Connettiti con noi

Hanno Detto

Tramoni: «Mi aspettavo qualcosa in più. Vorrei più tempo e più spazio»

Pubblicato

su

Matteo Tramoni, giocatore del Cagliari, ha rilasciato un’intervista in cui ha parlato della sua esperienza al Cagliari. Sul futuro…

Matteo Tramoni è arrivato in Sardegna con suo fratello Lisandru la scorsa estate con tante ambizioni per il suo futuro. La stagione al Cagliari, tuttavia, si è rivelata più complicata del previsto, non lasciando per niente soddisfatto il giocatore corso. Tramoni ha parlato della sua esperienza in rossoblù a Le Corse Matin, rivelando i suoi obiettivi per il prossimo campionato.

STAGIONE COMPLICATA – «È stato un anno complicato. In primo luogo a livello di squadra: abbiamo dovuto lottare fino alla fine per la salvezza. Anche a livello personale posso dire altrettanto: ho giocato davvero poco in questo campionato. Sono stato titolare in Coppa Italia per poi rimanere fuori quasi del tutto. Nel momento in cui è arrivato il nuovo mister, sono stato colpito da una pubalgia che mi ha tenuto lontano dal campo per diverse settimane. Ci sono però stati anche degli aspetti positivi: ho imparato tanto e sono cresciuto».

IN PANCHINA – «Quando rimani in panchina, è ovvio, ti senti arrabbiato ma è andata così. Il mister non mi giudicava abbastanza pronto per entrare in gioco e allora mi sono rifugiato negli allenamenti, nel lavoro: questo mi ha permesso di andare avanti e di crescere. Lo ammetto, sono un po’ deluso, mi aspettavo qualcosa in più».

FUTURO – «Cosa mi riserva il futuro? Vedremo. Aspetto di tornare ad allenarmi con i miei compagni e vedere se lo staff tecnico ha intenzione di contare su di me per la prossima stagione. Una cosa è certa: voglio ottenere più spazio, non voglio rimanere un anno senza giocare. Se la società deciderà di mandarmi in prestito per crescere e per permettermi di giocare di più e con continuità, troverà il mio accordo».

Traduzione a cura della redazione di CagliariNews24. Riproduzione autorizzata solo attraverso citazione 

Advertisement