Connettiti con noi

Hanno Detto

Tomasini: «Mercato sbagliato. Fondamentale a gennaio l’acquisto di un mediano»

Pubblicato

su

Beppe Tomasini ha analizzato la situazione critica in cui versa il Cagliari. La causa è da ricercare negli errori di mercato

Donnesulweb.it ha analizzato la situazione critica in cui versa il Cagliari con diversi protagonisti dell’eroico scudetto rossoblù del 1970. Cosa ha sbagliato la società? Beppe Tomasini non ha dubbi: la rosa doveva essere rinforzata in estate.

«La rosa, quest’anno, andava rinforzata. Non è stato così anche per ragioni economiche legate al particolare periodo storico che viviamo. Sta di fatto che i nuovi arrivati, da Caceres a Keita, non sono ancora al top della condizione. Così come Strootman. Ne consegue che le altre squadre attualmente sono più preparate dal punto di vista agonistico: corrono di più. A Mazzarri spetta il compito di sistemare tatticamente i rossoblù e di migliorare la resistenza e la forma fisica dei singoli giocatori. Una volta fatto questo, il Cagliari potrà disputare un discreto campionato: ha tutte le carte in regola per farlo. Ecco un altro errore: dopo l’infortunio, Rog non mai stato sostituito. Ed era una pedina fondamentale: contrastava l’azione avversaria e sapeva anche ribaltare il fronte del gioco. Oggi Mazzarri non ha un incontrista a centrocampo. Strootman è uno che prende il pallone e si limita ad appoggiarlo, gioca in due o tre metri di campo. E poi mi chiedo: chi giostra in cabina di regia? Deiola non può certo fare il regista. Uno che potrebbe farlo è Marin, che però rende meglio come mezzala. Come dovrà muoversi la società nel mercato di gennaio? Sarà imprescindibile l’acquisto di un mediano. Un mastino alla Medel, tanto per fare un esempio».