Spalletti alla vigilia di Inter-Cagliari: «Settimana della verità»

spalletti inter
© foto www.imagephotoagency.it

Vigilia di Inter-Cagliari, Spalletti alza l’attenzione: «Cagliari, PSV, SPAL: settimana della verità. Possiamo accorciare sulle prime in classifica»

Dopo aver messo in fila tre vittorie contro Tottenham in Champions League e Samp e Fiorentina in campionato, l’Inter è attesa da una settimana importante. Domani sera il Cagliari, poi mercoledì il PSV Eindhoven in Champions e sabato la trasferta in casa della SPAL. Luciano Spalletti nel pomeriggio ha parlato in conferenza stampa del momento dei suoi: «Quella che ci attende si può chiamare anche settimana della verità, ci può rimettere in corsa con le prime della classifica. Dobbiamo riuscire a mettere in condizioni tutta la squadra, le gare ravvicinati bruciano molto a livello mentale. Tutte le squadre ora ti creano difficoltà importanti, anche chi sulla carta ha qualcosa di meno».

I SINGOLI – Il tecnico nerazzurro ha poi parlato delle condizioni dei suoi, seminando qualche indizio sulla formazione anti-Cagliari: «Lautaro? E’ un giocatore importante, ha nel DNA la possibilità di essere il terminale offensivo e di saper palleggiare con i compagni. E’ un giocatore caratterialmente forte, tosto. Se riusciamo a mantenerlo così, perché c’è il rischio che ogni tanto chi si porta qui invece di mantenere il loro status perdano qualcosa, perché è risuccesso. Cercheremo di proteggerlo il più possibile, come altri che abbiamo preso hanno fatto bene quando sono arrivati e stanno dandoci una mano e attraverso la qualità di questi calciatori vogliamo arrivare al massimo della nostra forza. E’ possibile giochi dal 1’».

NAINGGOLAN E VRSALJKO – «Nainggolan? Da 1 a 10 sta dando 6. La sufficienza appena, per le sue potenzialità. Deve riuscire a trovare quella condizione che per il momento non ha avuto possibilità anche a causa dell’infortunio ma lui è uno che quegli strappi riesce a farli uno ogni due-tre minuti. Per ora ne fa due o tre per tempo: sono pochi. Vrsaljko? Possibile che non riesca a recuperare prima della sosta, ha fatto finora un lavoro in palestra, ora passerà al campo. Per noi è un bel problema, D’Ambrosio sta facendo benissimo ma non ha sostituti e rischia di affaticarsi».

Articolo precedente
cagliari primavera settore giovanilePrimavera 1, il Cagliari va a caccia dei primi punti
Prossimo articolo
Pescara-CagliariInter-Cagliari, i precedenti: l’ultimo successo firmato Melchiorri