Spadafora: «Sport, piano straordinario per ripartire a maggio»

spadafora
© foto www.imagephotoagency.it

Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport, ha annunciato che il governo sta lavorando ad un piano straordinario per far ripartire lo sport a maggio

Dopo le parole del Premier Giuseppe Conte ieri sera, oggi ha parlato anche il Ministro allo Sport Vincenzo Spadafora. Dopo una prima fase di contenimento del virus, con l’attuazione delle misure restrittive, il Governo inizia a ragionare sulla prossima fase, quella che guarda al futuro. Nel piano a cui si lavora a Palazzo Chigi c’è spazio anche per lo sport, fermo dallo scorso 8 marzo. Il calcio, in particolare, è il settore più colpito dal blocco dei campionati. «C’è un piano straordinario per le iniziative che devono partire da maggio, cioè da quando speriamo di poter essere fuori dall’emergenza Coronavirus per pensare al futuro. Ma per poter ripartire da maggio, bisogna che a quella data tutte le realtà sportive possano arrivare con le risorse necessarie», ha detto Spadafora.

Domani il Ministro incontrerà i presidenti delle maggiori federazioni sportive per fare il punto sulle perdite di ogni settore e riceverà dal CONI «suggerimenti per capire l’impatto dell’emergenza sanitaria e che cosa possiamo fare come governo per aiutare questo mondo». Spadafora ha anche annunciato l’intenzione del governo di creare un fondo di 50 milioni di euro – implementabile in caso di necessità – per sostenere i collaboratori delle strutture sportive di base ed i collaboratori sportivi con guadagni sotto i 10 mila euro lordi all’anno. Verosimilmente gli aiuti che arriveranno dal governo al mondo del calcio saranno di tipo legislativo, con interventi mirati in primis sui contratti degli sportivi. Nel frattempo, il mondo del pallone lavora parallelamente al governo per trovare una strategia comune per riprendere e concludere – quando sarà consentito – le stagioni.