Spadafora: «Il calcio elabori un piano B»

spadafora serie a
© foto www.imagephotoagency.it

Il Ministro dello Sport Spadafora ipotizza una nuova, imminente emergenza e caldeggia la Serie A a trovare al più presto un piano B

In un’intervista a L’Aria che tira su La 7, il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora si scaglia contro tutti e continua a esprimere le sue incertezze sul mondo del calcio in piena emergenza Covid-19.

DUBBI – «Invito la Lega a elaborare per tempo un piano B e un piano C, non a pensarci quando saremo già in difficoltà». Il Ministro è incerto sul funzionamento del protocollo sanitario: «La bolla com in Nba? C’è. Il protocollo attuale prevede una bolla in caso di contagi, il problema viene alla luce quando questo non viene rispettato. Possiamo anche fare un protocollo più rigido ma se gli atleti continuano a fare finta di niente davvero c’è poco da fare». Con un chiaro riferimento a Cristiano Ronaldo che avrebbe violato le regole lasciando l’Italia per rispondere alla chiamata della nazionale, continua «Questi grandi campioni si sentono al di sopra di tutto mentre invece il loro messaggio dovrebbe essere finalizzato al rispetto di tutte le regole». Stoccata anche per i presidenti dei vari club «questo ovviamente vale anche per i dirigenti. Il calcio è un’industria vera e propria. Sono loro a doversene preoccupare prima di tutti».

SO DI NON SAPERE – Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha più volte sottolineato di non provenire dal mondo dello sport e di essere consapevole di non essere un esperto di calcio. Forse, però, è proprio questa non conoscenza ad avergli consentito di sviluppare un’autonomia di pensiero in un ambiente complicato come quello di cui si occupa. «La Serie A è un’industria estremamente importante per il nostro Paese. Poi ci sono lo sport di base, la Lega Pro e il Dilettantismo che rappresentano un altro mondo con valenza sociale e culturale enorme. Ripeto: non ci troviamo in una situazione facile, prima che si complichino ulteriormente le cose è necessario elaborare un piano alternativo». Questa soluzione per la Serie A ha già un nome e si chiama play-off.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!