Connettiti con noi

Editoriale

Serie A: il Milan dell’equilibrio scopre Maignan, il Cagliari è sempre Joao Pedro

Pubblicato

su

La prima giornata di Serie A si è conclusa con i posticipi del lunedì che hanno promosso il Milan, mentre il solito Joao Pedro ha salvato il Cagliari

Anche il Milan di Stefano Pioli si iscrive dunque a pieno titolo alla Serie A mantenendo il passo delle altri rivali dirette, eccezion fatta naturalmente per la Juve e il suo colossale harakiri friulano.

Rossoneri tutt’altro che trascendentali, va detto, ma non per questo va sottovalutata una vittoria dal peso specifico non indifferente. Squadra solida ed equilibrata con un Tonali finalmente all’altezza delle aspettative, anche se là davanti Giroud ha steccato ed il solo Brahim Diaz, decisivo, è parso in palla.

Contro una Sampdoria ben organizzata il resto lo hanno fatto le mani e i piedi di Mike Maignan. Dopo un precampionato impeccabile, anche la prima ufficiale è stata più che confortante con gli interventi su Gabbiadini a mascherare persino le pecche di un Theo Hernandez svagato e insospettabilmente stonato.

Eccellente con le mani il portiere ex Lille, ma soprattutto sorprendente con i piedi. Perché la vera arma in più per questo Milan è la capacità di Magic Mike nell’avviare l’azione dal basso, sul corto e soprattutto sul lungo, come dimostrato nell’occasione del gol vittoria e ancor di più qualche minuto prima con il lancio che di fatto ha mandato in porta Leao.

Se un volto nuovo ha contraddistinto l’ultimo match del lunedì, il primo in ordine temporale aveva invece ricordato a tutti quanto Joao Pedro sia fondamentale per il Cagliari. Dopo un’estate passata sul filo del rasoio e con la prospettiva addio non poi così lontana, il biondo platinato ha subito salvato la baracca.

Contro uno Spezia in evidente difficoltà di organico, ma non di idee, i ragazzi di Semplici si sono dovuti aggrappare come al solito al proprio cannoniere e leader. Lasciando però la sensazione di cantiere aperto e di una costruzione di squadra ancora parecchio incompleta. Chiudere il calciomercato senza scossoni e fare un po’ di chiarezza, la strada è solo questa.