SALA STAMPA – Rastelli: «Vittoria dedicata a Melchiorri»

© foto www.cagliarinews24.com

L’allenatore del Cagliari Massimo Rastelli ha parlato nella sala stampa del Sant’Elia dopo la vittoria per 4-1 in rimonta sul Genoa

Il Cagliari vince la prima partita casalinga del 2017, superando in rimonta il Genoa per 4-1 nella prima giornata del girone di ritorno di Serie A. Decisiva la doppietta di Marco Borriello, oltre ai gol dei brasiliani Joao Pedro e Farias (su rigore). A fine partita ha parlato nella sala stampa del Sant’Elia il tecnico dei rossoblù Massimo Rastelli.

LA CONFERENZA – «Eravamo partiti bene noi, creando delle occasioni importanti nei primi dieci minuti. Poi il Genoa ha preso campo, anche senza nostre grandi pressioni e quando lasci a loro spazio ti puniscono sulle fasce come è capitato sul gol di Simeone. Ho chiesto poi alla squadra di alzare il baricentro per recuperare palla più avanti. Abbiamo segnato proprio su due palloni recuperati. Alla fine abbiamo fatto quattro gol, ma potevano essere molti di più per le occasioni create. Peccato poi per l’espulsione di Capuano nel surreale. Oggi abbiamo giocato in un clima surreale, con la curva nord vuota. Per questo volevo ringraziare i tifosi che oggi sono venuti a darci il loro sostegno dall’inizio alla fine. Di Gennaro? Durante la settimana aveva avuto un leggero fastidio, ma l’aveva gestito senza problemi. Nel riscaldamento ha risentito di quel fastidio e prima del fischio d’inizio ha lamentato di nuovo il problema. Ho preferito mettere Tachtsidis da subito per evitare di perdere subito un cambio. Naturalmente a freddo ha avuto qualche difficoltà ad entrare in partita, ma poi ha offerto 60 minuti di gran calcio. Borriello per noi è importantissimo, è rimasto fuori per un problema alla caviglia, ma ogni tanto gli può far bene stare fuori per recuperare e gestire le forze. È fondamentale, soprattutto in casa, perché vede la porta come pochi in Italia. Barella? Cresce di partita in partita. Si parla di tanti giovani di altre squadre, un po’ meno di lui che sta giocando praticamente sempre. La partita l’avevamo preparata bene, con Farias e Joao Pedro chiamati ad allargarsi. In difesa abbiamo sofferto più dalla parte di Murru che da quella di Isla, dove Dessena ha coperto bene. Murru tornava dopo tanto tempo, ha avuto qualche iniziale difficoltà ed è uscito alla distanza. La cosa che a me dispiace è che i ragazzi in campo scendono sempre contratti. Non riescono ad esprimere tutte le loro potenzialità e quello che proviamo in allenamento in settimana. A volte serve l’episodio negativo per esprimerci al meglio. Eravamo partiti bene, poi abbiamo perso troppi palloni e ci hanno demoralizzato. Fortunatamente dopo il vantaggio abbiamo reagito e siamo riusciti a vincere la gara. In queste due partite abbiamo concesso pochi tiri in porta. Stiamo con piccoli accorgimenti trovando quella piccola compattezza che ci permette di vincere le partite perché davanti abbiamo un potenziale offensivo di tutto rispetto. Mi auguro che questo girone di ritorno abbia dato quella forza in più per giocarci le partite fino alla fine. L’ammonizione Farias? Dispiace prendere questi gialli stupidi che possono costare caro. La squadra dedica la vittoria a Melchiorri, che è stato nuovamente operato. La vita lo sottopone ad un’altra dura prova, ma tornerà più forte di prima».

Articolo precedente
Genoa, Burdisso: «Il Cagliari ha avuto più voglia di vincere»
Prossimo articolo
SALA STAMPA – Juric: «Sconfitta preoccupante. Campionato ancora aperto»