Rossoblù in prestito: la stagione di Duje Cop

© foto www.imagephotoagency.it

Finita la stagione, è arrivato il momento di fare il resoconto dei giocatori rossoblù in prestito nei club professionistici. Insieme a Colombi, anche Duje Cop è riuscito a mantenere la massima serie, anche se di un’altra nazione. Il giocatore è di proprietà della Dinamo Zagabria ma in prestito al Cagliari, che ha ottenuto il permesso di cederne il cartellino in sub prestito al Malaga.

 

UNA STAGIONE IN CRESCENDO – In Spagna Cop si è preso da subito il suo spazio trovando continuità – spesso anche dal 1’ – ma palesando poco feeling con la rete. La prima arriva a campionato più che inoltrato: è la 15a giornata e la marcatura del croato permette al Malaga di superare il Rayo Vallecano. Sembra, però, un caso isolato: nelle seguenti dieci gare, nonostante il continuo impiego, Cop resta a secco. La fiducia di mister Javi Garcia non manca e l’attaccante la ripaga nel finale di campionato segnando due gol consecutivi contro Real Sociedad e Valencia. Nel momento di maggior luce della sua stagione è però costretto a defilarsi per un infortunio muscolare. Torna disponibile – e subito in campo – due giornate dopo. La settimana seguente è di nuovo titolare e torna a timbrare il cartellino nella sfida pareggiata contro l’Espanyol. Porta a 6 i suoi gol segnando una doppietta nella partita vinta per 3-1 al “Rosaleda” contro il Levante e chiude la stagione con una rete nel largo successo (4-1) sul Las Palmas. Quasi sempre in campo, Cop rientra nei piani del Malaga che vorrebbe riscattarlo, come ha ammesso negli scorsi giorni il ds rossoblù Stefano Capozucca (QUI le sue parole).

 

Sette reti ed una costante presenza in campo. Dopo i sei mesi di ambientamento in Serie A con la maglia del Cagliari, Cop ha dimostrato una costante crescita anche in Liga dando un contributo consistente al raggiungimento dell’ottavo posto del Malaga. Un rendimento che non è sfuggito al ct della Croazia Ante Cacic, che lo ha convocato per Francia 2016.

Articolo precedente
Rossoblù in prestito: la stagione di Colombi
Prossimo articolo
Campionato Primavera, dal 2017 si cambia