Connettiti con noi

Hanno Detto

Roma, Fonseca: «United? La gara più importante. In Serie A abbiamo mollato»

Pubblicato

su

Paulo Fonseca parla della sfida al Manchester United: le sue parole anche sulla Serie A e sulla Super League

Paulo Fonseca ha parlato in un’intervista a ESPN: le sue dichiarazioni sulla gara contro il Manchester United con considerazioni di ampio respiro.

PARTITA EUROPEA PIU’ IMPORTANTE – «Sì, certo. E siamo entusiasti! È una grande opportunità prima di tutto per il club, ma anche per la città e per i giocatori. Non tutti hanno la possibilità di affrontare il Manchester United in una semifinale europea».

STAGIONE DIFFICILE «È stata una nuova esperienza per me e sì, è stato difficile gestire tutte queste situazioni. Gli infortuni sono particolarmente difficili da gestire, soprattutto perché sono arrivati ​​in momenti cruciali, come quello di Mkhitaryan. E, naturalmente, giochiamo ogni tre giorni. Aggiungo anche che la Serie A è un campionato difficile e competitivo, dove stiamo lottando con altre sette squadre per un posto tra le prime quattro. Eravamo tra le prime quattro in classifica fino agli ultimi infortuni di marzo, e poi abbiamo mollato. Quindi questo trofeo, per noi, è molto importante».

CONTROPIEDE UNITED«Non mi piace aspettare e contrattaccare. A volte può capitare, per esempio è successo al ritorno con l’Ajax, ma non è il mio stile di gioco. È vero che loro hanno tanti ottimi giocatori d’attacco, molto veloci: è gente in grado di decidere qualsiasi partita in qualsiasi momento, gli basta un secondo. Dovremo essere preparati, ma non possiamo andare lì a difenderci. Dobbiamo controllare il pallone, prendere iniziative ed essere coraggiosi».

BRUNO FERNANDES – «È fantastico, l’ha dimostrato allo Sporting e ora anche a Manchester. È vero che è arrivato un po’ tardi, ma ha imparato tanto, anche in Italia. Mi colpisce la sua personalità: ha tanta qualità, ma è anche un leader, un lottatore. Non sono sorpreso del fatto che sia diventato un leader del Manchester United».