Riunione FIGC: la Serie A ripartirà, playoff in stand-by

figc
© foto www.imagephotoagency.it

Riunione Federale della FIGC per discutere del futuro dei campionati di calcio italiani dopo l’emergenza Covid-19: le ultime novità da Roma – ore 15:43

Alle ore 12 è iniziato il consiglio federale della Figc presso la sede di Roma. Si discuterà del futuro del calcio italiano dopo l’emergenza Coronavirus. Secondo le indiscrezioni raccolte da CalcioNews24.com, i campionati di Serie A, B e C sono destinati a ripartire, nonostante non si abbia ancora una data certa. Rimandato il discorso legato ai playoff e ai playout. Nel pomeriggio è atteso il comunicato della Figc.

Secondo Sky Sport, potrebbe essere prorogata al 30 agosto e non più al 2 la fine della stagione 2019/20. I campionati di A, B e C dovranno concludersi entro 20.

Arriva l’ufficialità dalla Figc: i campionati di Serie A, B e C riprenderanno. Ecco le decisioni della Federazione Italiana Giuoco Calcio – ore 17

La voglia di ripartire era così forte che alla fine la Figc non ha potuto che annunciare un prossimo rientro in campo per tutti i campionati di Serie A, B e C. Questa la decisione presa dal consiglio federale ancora in corso a Roma. Secondo quanto stabilito nell’incontro odierno le competizioni potranno andare avanti fino al 31 agosto, i campionati professionistici dovranno concludersi entro il 20 agosto. Hanno preso parte alla riunione il presidente Gravina, Sibilia, Ghirelli, Balata e Lotito. Tutti gli altri consiglieri hanno potuto assistere tramite una conference call. Grazie al nuovo protocollo del Comitato Tecnico Scientifico sarà quindi possibile portare a termine la stagione 2019/2020. Ecco l’annuncio ufficiale: «Il Consiglio ha assunto una delibera in cui si indica la regolare prosecuzione delle competizioni professionistiche. In subordine, qualora la ripresa non dovesse essere possibile, si procederà a modifiche di format e, in caso di definitiva interruzione, di definizione delle graduatorie con promozioni e retrocessioni con criteri da individuarsi che premino il merito sportivo».