Connettiti con noi

Ex Rossoblù

Pulga severo sul Cagliari: «Dopo il Sassuolo ha illuso tutti, a Mazzarri consiglio questo»

Pubblicato

su

Le parole dell’allenatore italiano passato anche per la panchina del Cagliari, ora occupata dal tecnico di San Vincenzo Walter Mazzarri

Le dichiarazioni di Ivo Pulga ai microfoni del quotidiano La Nuova Sardegna. L’ex allenatore del Cagliari ha parlato proprio della squadra isolana e della sua situazione in campionato.

ILLUSIONE – «Il Cagliari, dopo aver vinto col Sassuolo, e avere illuso tutti si è messo nei pasticci di nuovo a Genova. Una partita in cui era stato sempre in controllo, e che ha perso per una banale leggerezza in difesa».

MAZZARRI – «Responsabilità del tecnico? Beh Mazzarri lo conosciamo. Ha sempre giocato con il 3-5-2 e in attesa dell’avversario, per poi ripartire, anche quando allenava il Napoli, in cui aveva una rosa super. Ero in panchina con il Cagliari quando perdemmo 1-0 al San Paolo su rigore: la partita la facemmo noi. Ecco, direi che in queste quattro partite dovrebbe far scendere in campo la squadra con un atteggiamento più aggressivo. Il tempo stringe, non ci si può più permettere di regalare punti».

LOTTA SALVEZZA – «L’esito della lotta per la salvezza è difficile da prevedere, gli scontri diretti ancora in programma e l’esplosione della Salernitana complicano le cose. Diciamo che il Cagliari per essere sicuro di salvarsi dovrebbe fare 7 punti, e penso che ce la possa anche fare. Altrimenti, in particolare se perdesse a Salerno, il destino sarebbe legato anche ai risultati delle altre squadre coinvolte, che vanno dai 30 punti della Samp ai 22 del Venezia».

HELLAS VERONA – «Una gara non semplice. Il Verona in questo campionato ha mostrato di che pasta è fatto. Ha messo in difficoltà anche squadre che vanno per la maggiore. Al Cagliari stavolta, come nelle successive tre partite, serve ritrovare spirito di squadra e voglia di sacrificarsi. E poi spero che Mazzarri, che già è riuscito in passato a salvare la Reggina, riesca a caricare a dovere i suoi».

Advertisement