Pili indagato per visite a Cellino? Lui: « Non rinnego niente »

© foto www.imagephotoagency.it

Sarebbe indagato il deputato sardo del PdL Mauro Pili, amico intimo del presidente del Cagliari Massimo Cellino, per le visite fatte proprio a quest’ultimo in carcere nelle scorse settimane, quando il numero uno rossoblu era stato rinchiuso nel carcere di Cagliari.

QUALE INDAGINE? – « Apprendo in queste ore dalla stampa che a momenti dovrei essere interrogato dai magistrati perchè indagato per le visite umanitarie in carcere al Presidente del Cagliari. Non ho ricevuto nessuna comunicazione dal Tribunale, se non dai giornali – ha dichiarato oggi Pili – . Ho svolto come faccio da anni visite ispettive in carcere nel mio ruolo da parlamentare. E continuerò a farle sino a quando la legge me ne darà facoltà. Confermo tutto quello che ho detto sulla vicenda. Gli arresti preventivi non fanno parte della civiltà giuridica se non per fatti di sangue, violenza o associazioni criminali ».

DISCRIMAZIONI VERSO I SARDI – Pili ha poi proseguito: « Tenere chiuso Is Arenas è una violenza al buon senso e alla legalità. Una discriminazione grave contro la Sardegna e i sardi. Io non mi nascondo come fanno i codardi. Testa alta, schiena dritta ».

Articolo precedente
Delio Rossi: « Ero ad un passo dal Cagliari »
Prossimo articolo
Ufficiale: Sannino di nuovo sulla panchina del Palermo