Palermo, Tedino: «Firmerei per un’ottima prestazione senza passare il turno»

baccaglini gazzi
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore del Palermo Bruno Tedino ha parlato in conferenza stampa in vista della sfida di domani contro il Cagliari in Tim Cup

L’obiettivo stagionale del Palermo è il ritorno in Serie A. Ma domani, contro il Cagliari allo stadio Olimpico di Torino, i rosanero cercheranno di superare il terzo turno di Coppa Italia. Alla vigilia del match, ha parlato in conferenza stampa il tecnico Bruno Tedino: «Il fatto di essere condannati a far sempre bene la vedo una cosa molto positiva – si legge nelle dichiarazioni riportate da Mediagol.it – Domani è un giorno importante per avvicinarsi a un campionato ricco di insidie. Il Palermo non parte in vantaggio ma prima ci vogliono alcune prerogative come umiltà, entusiasmo e grinta. Coronado? È molto importante, ha un risentimento al flessore destro e non voglio rischiarlo. Murawski? Si adatta a fare più ruoli ed è un candidato molto serio a sostituire Coronado. Può essere molto duttile e sa attaccare bene gli spazi. Rispoli? Non ho niente da dire, perché non sono cose che mi riguardano. Per domani è convocato».

CAGLIARI – «Zamparini ha detto che anche il Palermo come il Cagliari è da A? Il presidente ha voluto ingigantire la nostra posizione – ha risposto Tedino – il discorso di misurarci con una squadra di Serie A sarà importante perché affronteremo una squadra molto forte. Ci confronteremo contro una squadra che ci metterà sotto e voglio vedere che i miei giochino ad armi pari contro il Cagliari, patteggerei un’ottima prestazione senza passare il turno. Il Cagliari ha cambiato pochissimo e hanno automatismi di un certo valore, lì davanti hanno tanta qualità con Farias, Borriello e Sau. Hanno un modo di giocare molto difficile da interpretare, la loro condizione è importante perché si conoscono molto bene. Hanno una squadra che ha dei campioni quali Padoin, per noi non deve essere un esame, ma lavorare contro una squadra che si è salvata la scorsa stagione e che ha segnato alla maggior parte delle squadre di Serie A. La squadra deve andare a fare una partita con il Cagliari convinta di dare il massimo, per essere squadra ci vuole tempo e disponibilità e ancora non lo siamo. Sarebbe bello incontrare il Pordenone al prossimo turno, intanto pensiamo al Cagliari. Campo neutro? Non credo che agevoli nessuno, ma sono cose che succedono e a dirla tutta il vedere pochissima gente è una sconfitta per tutti. Sono molto sereno perché voglio vedere come si atteggia la nostra squadra contro un club come il Cagliari. Voglio vedere la squadra nella fase di possesso e in quella di non possesso. Se tanto mi da tanto mi aspetto tanti gol, però per caratteristiche possiamo solo dire che sono due squadre molto offensive e quindi potrebbe essere una sfida spettacolare».

Articolo precedente
cagliariCagliari, oggi la rifinitura e la partenza per Torino
Prossimo articolo
palermo nestorovskiPalermo, i 22 convocati di Tedino per la gara contro il Cagliari