Connettiti con noi

News

Pagelle Cagliari Torino: Joao è Meravigliao, Carboni troppo distratto- VOTI

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

I voti ed i giudizi ai protagonisti del match di campionato tra i rossoblù e i granata: pagelle Cagliari Torino

Le pagelle dei protagonisti del match tra Cagliari e Torino, valido per la 16ª giornata del campionato di Serie A 2021/2022.

Le pagelle degli uomini di Mazzarri

CRAGNO 5,5 Nel finale compie un miracolo che salva il Cagliari sul tiro di Praet, ma sul gol granata il 90% della colpa è sua.

CACERES 5,5 Impreciso in alcune letture ed interventi, a volte rischia troppo con un avversario rapido come Pjaca

CEPPITELLI 6,5 Il migliore della difesa rossoblù: difende egregiamente ed è fondamentale anche in fase offensiva andando a saltare sempre su Bremer. Sua la sponda per Joao Pedro. (78′ GODIN S.V)

CARBONI 4,5 Gara da dimenticare per il classe 2001 di Tonara: prima infila la palla, sfortunatamente, nella propria porta poi sbaglia la lettura su Praet che poteva costare carissimo

BELLANOVA 6 Corre tantissimo e crea molte occasioni, da lui nasce l’azione per il gol di Joao Pedro. Sulla destra tiene sempre in apprensione la difesa granata

MARIN 6 Prova qualche giocata, ma oggi rispetto ad altre gare è molto timido. Soffre la fisicità dell’avversario

GRASSI 6 Abbandona il campo stremato: gara di sacrificio con tanta corsa e interdizione sui trequartisti del Torino. (78′ PEREIRO Dovrebbe dare la svolta ma nessuno si accorge del suo ingresso in campo)

NANDEZ 6,5 Ingrana la quinta e corre corre corre. Non si ferma mai, neanche nei minuti finali quando zoppica vistosamente ma lui lotta e sfiora addirittura il gol in contropiede

DALBERT 6 Duello tostissimo con Ola Aina, anche lui un velocista. Prova varie discese ma è quasi sempre ben contrastato. (87′ ZAPPA S.V)

JOAO PEDRO 7 Joao è sempre Meravigliao, ma oggi un po di più. La perla in rovesciata vale da sola il prezzo del biglietto. I rossoblù si aggrappano ancora al loro capitano

KEITA BALDE 5 Fuori dal gioco rossoblù, Bremer è un osso durissimo e non gli concede mai mezzo metro. Sul piano fisico perde nettamente il duello contro il centrale difensivo granata (65′ PAVOLETTI 5 Prova opaca dell’ariete rossoblù: Bremer lo sovrasta sempre e non riesce a vincere il duello fisico)

 

Advertisement

News

Advertisement