Oddo: «A Cagliari per fare tre punti, la squadra è unita»

pescara, oddo
© foto www.imagephotoagency.it

La conferenza stampa della vigilia: prima di partire per Cagliari parla il tecnico dell’Udinese Massimo Oddo. I friulani lottano per uscire da un periodo di crisi

Vietato perdere per Cagliari e Udinese, attese domani alla Sardegna Arena da un confronto che dirà chi dovrà sudare fino all’ultimo nella zona calda della classifica e chi potrà tirare un piccolo sospiro. Poco prima della partenza verso l’Isola è Massimo Oddo a raccontare le sue sensazioni alla vigilia, nel corso della consueta conferenza stampa. Queste le parole dell’allenatore bianconero, che mira al bottino grosso ma non disdegnerebbe il punticino, riportate da Udineseblog: «Andiamo a Cagliari per fare il massimo, cioè prenderci i tre punti. Poi bisogna vedere come andrà la partita. Ma noi andiamo sempre per fare il massimo. Quando il baricentro è un po’ più basso non è perché ci si vuole difendere, ma perché si vuole attaccare meglio. È un mio pensiero. Andiamo là consapevoli che la gara è difficile, è uno snodo importantissimo: vincere vorrebbe dire conquistare la salvezza. Anche un pari sarebbe positivo, perché la priorità è interrompere la serie negativa. Sarebbe importante portare via un punto da là per molti motivo».

Oddo fa anche autocritica nel tentativo di responsabilizzare i suoi: «Questa è una squadra che mi segue, forse a volte anche troppo. Nel calcio le partite cambiano, non vanno come sempre le prepari. In quel momento un giocatore deve saper leggere una situazione, prendersi certe responsabilità, prendere l’iniziativa. Sul fatto che la squadra sia unita non c’è ombra di dubbio, sono sincero. Se avessi qualche perplessità, sarei molto più preoccupato. La squadra ha tutta la voglia di uscire da questo momento, abbiamo necessità di fermare questa serie di sconfitte e ripartire».

Articolo precedente
De Biasi: «Cagliari-Udinese partita decisiva, se i bianconeri mi chiamassero accetterei»
Prossimo articolo
Cagliari-Udinese, i convocati di Oddo: c’è Fofana