Niccolò Giannetti – I pagelloni di CagliariNews24

© foto www.imagephotoagency.it

Arrivato al Cagliari come riserva di lusso, Niccolò Giannetti ha sin da subito dimostrato feeling con il gol e sfruttato al massimo le occasioni concessegli. Pronti, via: l’attaccante di Siena, complice l’assenza di Melchiorri, parte titolare nella sfida inaugurale del torneo. Un’intera partita nell’ombra a fare a sportellate con i difensori del Crotone e chiusa nel finale con un destro a giro che si è insaccato sotto il sette lontano ed ha fissato il 4-0 finale sui pitagorici. Nelle successive due partite da titolare, contro Entella e Latina alla 4a e 5a giornata, sigla due reti decisive: la prima dà il via al sorpasso dei rossoblù sui padroni di casa e la seconda, segnata a 10’ dalla fine, regala ai sardi tre punti pesantissimi in una gara che si avviava verso il pareggio. Gol anche contro il Trapani: Rastelli gli concede appena 16’ ma Giannetti non fa una piega e sfrutta al massimo l’assist di Farias, portando il risultato sul 4-1. Nel girone di ritorno sembra essersi un po’ smarrito, Rastelli gli concede meno spazio e l’attaccante non riesce a rendere come nella prima metà di stagione. Salta due gare di fila per infortunio ed al rientro in campo, nel finale della gara di Modena, ha il merito di servire a Farias il perfetto assist per il gol dell’1-1 che suona la carica per il successo, arrivato a pochi secondi dalla fine grazie al gol di Sau. Dopo un periodo di appannamento, il numero 32 torna alla ribalta nel pirotecnico 6-0 contro il Brescia: un gol e due assist fanno di Giannetti uno dei protagonisti assoluti del successo che ipoteca la Serie A. Serie A che sembra ancor più vicina quando l’ex Spezia porta il Cagliari in vantaggio sul Livorno nella gara poi finita 2-2 per un clamoroso harakiri degl isolani. Contro il Bari nessun gol, ma una delle prove più importanti della stagione: parte titolare nel tridente con Joao Pedro e Farias e, per caratteristiche, è il punto di riferimento in attacco. Prima ruba palla sulla trequarti e serve a Joao Pedro il pallone per l’1-0 poi, nella ripresa, partecipa allo stupendo contropiede fulmineo mandando in gol Farias. A fine gara il 3-0 significa Serie A e l’attaccante la dedica in diretta televisiva a capitan Dessena. Nella giornata successiva, quella della festa al Sant’Elia e del rientro in campo del numero 4, segna il suo ultimo gol in campionato chiudendo a quota 10 una stagione da incorniciare.

 

Niccolò Giannetti si è dimostrato il prototipo dell’attaccante moderno, capace di svariare su tutto il fronte offensivo quanto di far male nel cuore dell’area. Partito come riserva di lusso, il rossoblù ha dimostrato di potersi giocare le sue chance in una squadra che puntava alla Serie A realizzando 10 reti e diventando un beniamino del tifo rossoblù. Una delle vere sorprese del Cagliari edizione 2015/16.

 

VOTO: 7,5

Articolo precedente
Cagliari, Capozucca: «Bruno Alves ci serviva. Rincon? Accordo con il Genoa, deve decidere lui»
Prossimo articolo
Playoff Serie B, finale di andata: Pescara batte Trapani 2-0