Connettiti con noi

Editoriale

Nazionale U21 che peccato, ma la missione “serbatoio” è compiuta

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Una cocente delusione quella che ci ha fatto vivere la Nazionale U21, eliminata ai supplementari dalla fase finale degli Europei

Nulla più dell’inflazionata espressione “uscire a testa alta” fotografa al meglio il sentimento che accompagna la nostra Nazionale U21. Avanza alle semifinali il Portogallo, tornano a casa gli Azzurrini al termine di una sfida folle che ci ha lasciato l’amaro in bocca e l’inevitabile delusione.

Si è dunque chiusa appena dopo il via la Final Eight dell’Europeo Under 21 per i nostri colori, ma non per questo sarebbe giusto etichettare negativamente il cammino. L’Italia ha pagato una serata piuttosto confusa e approssimativa nella fase difensiva, messa a ferro e fuoco dal monzese Mota Carvalho, da Vitinhapiuttosto che da Jota.

Eppure i ragazzi di Nicolato, visibilmente commosso nelle dichiarazioni a fine gara, hanno dato di tutto e di più per centoventi minuti. Hanno ripreso due volte in mano una gara che sembrava perduta dopo mezzora e poi di nuovo a inizio secondo tempo. Con orgoglio e coraggio, anche dopo l’espulsione di Lovato nei primi frammenti di overtime. E se il tecnico non ha nulla da rimproverare ai suoi, davvero, in questo caso non può essere una frase fatta.

Superiori i lusitani, va detto, forti di una qualità tecnica invidiabile ben evidenziata dalla possibilità di tenere in panchina per oltre novanta minuti un certo Leao. Certo, però, se l’Italia avesse avuto a disposizione il suo intero bacino di talento ci sarebbe stato davvero di che divertirsi. Da Donnarumma a Bastoni, da Locatelli a Kean, da Zaniolo allo squalificato Tonali. Un plotone di aspiranti campioni che avrebbe potuto rinverdire i fasti della Nazionale Under 21 anche in bacheca.

Ma poco importa, al di là di risultati e trofei, il fine ultimo delle selezioni giovanili deve essere “produrre” giocatori. Il più capiente serbatoio del nostro calcio che poche altre volte come in questo biennio ha dato i suoi frutti, con quel Raspadoriesempio più recente tra coloro che hanno compiuto il grande salto. Grazie soprattutto al lavoro di Nicolato, al coraggio di Mancini e a un modello che funziona.

Advertisement

News

Advertisement