Nainggolan, mercato ed esuberi: le sfide della nuova settimana del Cagliari

infortunio nainggolan cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Ultimo giorno da giocatore rossoblù per Nainggolan, che farà ritorno all’Inter. Intanto si lavora per chiudere Czyborra e Sottil; in serata atteso Marin

La nuova settimana in casa Cagliari si apre con tanti punti di domanda, ma la questione più spinosa per la società di Giulini in questo momento è sicuramente l’incertezza sul futuro di Nainggolan. Oggi infatti termina il prestito del centrocampista belga, che ritornerà così all’Inter in attesa di ulteriori sviluppi della vicenda.

SITUAZIONE NINJA – Il presidente degli isolani incontrerà nei prossimi giorni la dirigenza nerazzurra per discutere del nuovo ritorno del Ninja sotto la guida di Eusebio Di Francesco. Giulini ha dalla sua l’intenzione di Nainggolan di rimanere in terra sarda, ma restano da vedere le richieste della società milanese per il cartellino del giocatore. La società rossoblù non potrà accontentare l’Inter in caso di richieste esorbitanti, specialmente in una sessione di mercato fortemente caratterizzata dalle perdite subite negli ultimi mesi a causa della pandemia. Il Cagliari ha già raggiunto accordi con l’entourage del giocatore per la riduzione dell’ingaggio. Il salario del belga potrebbe essere una delle motivazioni a portare il Club lombardo sulla via della vendita, anche ad un prezzo più basso. Lo stipendio del centrocampista (intorno ai 4 milioni) diventerebbe infatti una spesa inutile per la società milanese, specialmente per un giocatore che, nei piani di Antonio Conte, risulterebbe come un esubero.

ENTRATE ED USCITE – E a proposito di esuberi, il Cagliari continua a lavorare sul mercato oltre che in entrata (Czyborra e Sottil rimangono vicinissimi, mentre Marin è atteso stasera ad Elmas) anche nel senso opposto. Il rientro di Deiola, Farias e Pajac impone a Di Francesco una seria riflessione su chi lasciar partire e chi trattenere, tenendo conto anche delle assenze causa infortunio (come Romagna, oltre al recente Pereiro) e di quelle causa Covid-19 (come Despodov, che però sembra sulla via del ritorno e Ceppitelli, Cerri e Bradaric).

A cura di Mattia Murru

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!