MIXED ZONE – Capuano: «Ripartiamo dalla reazione del secondo tempo»

Capuano Cagliari
© foto CagliariNews24.com

Una delle poche note liete del 5-3 contro la Fiorentina è stato il gol di Marco Capuano. Il difensore rossoblu – subentrato nella ripresa al posto dell’infortunato Salamon – ha segnato di testa una rete di testa che alla fine si è rivelata inutile. Al termine del match ha commentato così la gara nella mixed zone del Sant’Elia: «La Fiorentina è stata brava nel primo tempo a venire in mezzo con i trequartisti e crearci problemi. Purtroppo loroerano in giornata perché ogni tiro finava all’angolino. Nel secondo tempo abbiamo avuto una grande reazione, dove ci abbiamo creduto fino alla fine. Ripartiamo dagli errori e dal secondo tempo. Abbiamo dimostrato di essere una squadra che non molla mai. Ora testa alla Lazio subito. Oggi abbiamo trovato subito il gol, ma purtroppo loro hanno giocatori di qualità a cui non puoi concedere spazio. Abbiamo subito immeditamente il secondo, il terzo e il quarto gol. Iniziare il secondo tempo sul 4-1 è moralmente più difficile e faticoso, però alla fine abbiamo auvto una grande reazione. Peccato solo per la reazione. Entusiasmo? A volte aiuta, ti dà fiducia e carica. Arrivavamo da tre vittorie di file e soprattutto l’ultima a San Siro ci ha caricato. Infatti siamo partiti subito a mille, peccato che non abbiamo tenuto conto delle loro doti tecniche sugli uno contro uno. Lavoriamo su questi errori, per fortuna c’è subito un’altra partita per riscattarci. Oggi avremmo voluto dare un continuo con la quarta vittoria consecutiva. Seguiamo quello che ci dice il mister, noi crediamo nel suo lavoro. Ho avuto un po’ di problemi ad inizio stagione. Personalmente sono contento per il gol, spero di avere altre occasioni più avanti. La dedica del gol? Alla mia ragazza che mi sta sempre vicino».

 

Dichiarazioni raccolte da Sergio Cadeddu

Articolo precedente
Cagliari-Fiorentina, le pagelle dei rossoblu
Prossimo articolo
SALA STAMPA – Rastelli: «Troppi gol, non abbiamo trovato gli equilibri ed è colpa mia»