Matías Cabrera “alza l’asticella”:«Prossimo anno? Il Cagliari può e deve puntare all’Europa» (FOTO)

© foto www.imagephotoagency.it

Tanto entusiasmo, come nelle precedenti occasioni, anche questa sera al Cagliari Point di piazza “L’Unione Sarda” dove è stato presentato il numero di aprile della rivista ufficiale del Cagliari “Cuore Rossoblù”. Ospiti d’eccezione, acclamati dai numerosi tifosi accorsi per l’occasione, sono stati capitan Conti e l’ultimo promettente arrivo in casa rossoblù, l’uruguayano Matías Cabrera che ha rilasciato ai nostri microfoni la seguente intervista dove si mostra felice di essere arrivato nell’Isola e molto ambizioso per il futuro:

Matías, è da poco più di due mesi che sei qua. Come è stato l’impatto con questa nuova realtà isolana, con la città e i compagni?
“Bene, benissimo. Sono molto felice. Pian piano sto iniziando a parlare italiano e con i compagni mi trovo a meraviglia. Appena sono arrivato mi sono accorto di essere approdato in un bellissimo gruppo. Penso che per il valore dei giocatori che ci sono e per quello che vedo il Cagliari è una squadra che l’anno prossimo deve puntare all’Europa. E anche quest’anno… secondo me, abbiamo ancora qualche piccola possiblità. La città è stupenda e la gente è carinissima”.

Mister Diego Lopez, tuo connazionale. Pensi che questo fatto ti abbia aiutato e ti stia aiutando per un inserimento più veloce?
“Certamente sì, con lui è stato più facile per la lingua perchè mi spiega le cose in spagnolo e mi aiuta pian piano anche ad apprendere l’italiano”.

Le tue aspettative, pensavi di giocare di più da subito? O ritieni normale il tuo impiego fino ad ora saltuario?
“No, no è assolutamente normale, sono arrivato qui a metà campionato già giocato. Mi sto adattando pian piano. Sono molto felice”.

Chi ritieni il più forte tra i tuoi compagni?
“La squadra intera, il Cagliari come gruppo”.

Pinilla o Cossu?
“Entrambi fortissimi!”

Quale posizione in campo preferisci, a centrocampo o più avanzato dietro le punte, da trequartista?
“Decisamente la posizione dietro le punte, da suggeritore. In Uruguay giocavo da trequartista”.

A Catania Cossu assente per squalifica. Giocherai tu?
“Io sarei felice di poterlo fare, mi sento pronto”.

Il giocatore più forte del mondo…
Suarez… e Cavani, uruguayani..! :)”

Chiude con un sorriso. Bravo Matías!

QUI l’intervista al grande capitano Daniele Conti.

Articolo precedente
Catania-Cagliari dubbi di formazione per entrambe le squadre
Prossimo articolo
Conti incontra i tifosi: il capitano racconta il momento del Cagliari (FOTO)