Marco Giampaolo, il ritorno dell’ex e quel Cagliari-Sampdoria

giampaolo
© foto www.imagephotoagency.it

Marco Giampaolo, ex mai veramente amato dal pubblico del Sant’Elia, torna per la quarta volta da avversario in Sardegna. Nelle precedenti tre partite ha perso due volte: 1-0 col Siena nel gennaio 2009 (gol di Acquafresca) e 3-0 con il Catania nel 2010/11 (tripletta di Nenè). In mezzo l’unico successo: un 1-3 con il Siena nella stagione 2009/10.

 

La carriera di Giampaolo non è mai stata fortunatissima, sicuramente non la parentesi con il Cagliari, che ha allenato nel 2006/07 e nel 2007/08, collezionando due esoneri e due richiamate da parte dell’allora presidente Cellino. La seconda volta, però, il tecnico di Bellinzona rispose con un rifiuto e la celebre frase «la dignità non ha prezzo», rinunciando così al resto del contratto che aveva con il Cagliari. Meglio per i rossoblù, che puntarono su Ballardini e riuscirono a salvarsi grazie ad un girone di ritorno a ritmi da Champions League. Giampaolo, invece, provò a proseguire la sua carriera in A tra Siena, Catania e Cesena, venendo sempre esonerato.

 

L’avventura in Serie B con il Brescia va anche peggio: si dimette dopo cinque partite, sparisce dai radar della società e si rifiuta di tornare. La svolta arriva incredibilmente in Lega Pro, dove riesce da subentrato a portare la Cremonese all’ottavo posto. Tanto basta all’Empoli, orfano di Sarri, decide di puntare su di lui in Serie A, nonostante le precedenti esperienze. Il risultato è che Giampaolo riesce a fare anche meglio del predecessore che siede ora sulla panchina del Napoli, portando i toscani al decimo posto. A fine stagione decide di non proseguire la sua avventura ad Empoli, ma a luglio, dopo il passaggio di Montella al Milan, viene chiamato dalla Sampdoria con cui oggi affronterà nuovamente il Cagliari a distanza di sei anni.

 

C’è anche una curiosità che lega Marco Giampaolo ad un precedente Cagliari-Sampdoria. La sfida tra i rossoblù e i blucerchiati del novembre del 2007 al Sant’Elia è stata anche la sua ultima partita sulla panchina del Cagliari. Finì 3-0 per i doriani con i gol di Volpi, Caracciolo e Maggio. Una settimana dopo, senza giocare nessun’altra gara, Cellino decise di esonerarlo e chiamare al suo posto Nedo Sonetti. Quasi nove anni dopo è ancora Cagliari-Sampdoria, con Giampolo che si sistemerà sull’altra panchina del Sant’Elia.

Articolo precedente
Cagliari-Sampdoria, le probabili formazioni
Prossimo articolo
Bosa, domani i Premi Ussi Sardegna: riconoscimenti anche per Giulini, Rastelli e Sau