Connettiti con noi

Editoriale

Lotta Champions: Napoli, Milan, Juve ne rimarrà soltanto una (fuori)

Pubblicato

su

L’ultimo giorno di Serie A determinante per definire le posizioni nella lotta Champions League: Napoli, Milan e Juve all’ultimo respiro

Non sarà una domenica come tutte le altre nel nostro campionato, con la lotta Champions Leagueche si definirà negli ultimi novanta minuti.

La Serie A agli sgoccioli di una stagione lunga e densa di sorprese, ma che riserverà per la sua serata conclusiva un gustoso dessert che dovrà scrivere pagine indelebile per il futuro dei club ancora in ballo. Tre squadre in cerca d’autore e un pesce grosso destinato a finire nella rete del fallimento. Perché il sostantivo sarebbe pressoché inevitabile per qualunque delle tre dovesse rimanere con il cerino in mano.

A cominciare dal Milan di Pioli che avrà l’impegno più gravoso in quel di Bergamo e rischia di uscire fuori dalle prime quattro posizioni proprio nel momento più decisivo e delicato. Che poi, qualunque tifoso rossonero avrebbe probabilmente firmato meno di un anno fa per trovarsi in piena battaglia Champions all’ultima giornata. Ma dopo un intero campionato vissuto da protagonisti, la beffa sarebbe quanto mai indigesta.

Per carità, non che per il Napoli sarebbe una gioia fallire l’occasione. Anche perché, con il destino nelle mani e con all’orizzonte un match non proprio impossibile con il Verona, un errore sul più bello sarebbe oggettivamente imperdonabile. Non lo meriterebbe una piazza caliente e passionale come quella partenopea, ma soprattutto non lo meriterebbe Gattuso che dopo un’overdose di veleno sorbita negli ultimi mesi vorrà congedarsi nel migliore dei modi e uscire a testa alta da un rapporto spesso persino grottesco.

Ma chi rischia di più, c’è poco da discutere, è indubbiamente la Juve. Il quinto posto per Cristiano Ronaldo e compagni sarebbe una debacle storica, assolutamente inattesa nelle previsioni. A prescindere dal destino di Pirlo, probabilmente più vittima che carnefice, per il club bianconero sarebbe un’onta senza precedenti.