Longo: «Il Cagliari ha grandi individualità. Noi siamo pronti»

longo frosinone
© foto www.imagephotoagency.it

Vigilia di Frosinone-Cagliari, le parole di Longo in conferenza stampa: «Ciano è recuperato ma non so se partirà dall’inizio. Il modulo? 3-4-2-1 o 3-5-2: dipende dalla sua presenza»

Domani pomeriggio il Frosinone ospiterà il Cagliari al “Benito Stirpe” nella quattordicesima giornata di Serie A. Una sfida particolarmente importante per le due compagini, che si apprestano ad affrontare il rush finale del girone d’andata con parecchie gare ravvicinate. Nelle ultime ore mister Longo ha recuperato Ciano e l’ex Capuano, mentre restano indisponibili Bardi (colpito dalla varicella) e Hallfreddson, fermo per un problema al ginocchio. In dubbio la presenza di Gori: il centrocampista, colpito da un attacco febbrile, lamenta un fastidio al ginocchio e potrebbe non recuperare in tempo. Alla vigilia del match contro i rossoblù di Maran (qui la conferenza stampa integrale del tecnico isolano), Moreno Longo ha parlato delle condizioni dei suoi ma anche delle possibili chiavi di volta dell’incontro.

Frosinone-Cagliari, la conferenza stampa di Longo

LA PARTITA – «Noi sicuramente non dobbiamo pensare che ci siano partite più abbordabili di altre, questo è l’unico errore che potremmo fare. Il Cagliari è una squadra che ha delle grandi individualità e che sicuramente non può non salvarsi. Potrà fare anche qualcosa in più. Da parte nostra ci vorrà un’attenzione addirittura superiore a quella messa contro le big perché queste squadre sanno essere anche pragmatiche. Dovremmo essere bravi noi ad affrontarli con la giusta mentalità. Mi auguro che l’ambiente ci spinga verso la vittoria», riporta tuttofrosinone.com.

I SINGOLI – «Recuperati? Valuteremo se sfruttare i calciatori recuperati dall’inizio o se a gara in corso. Parlerò con loro e vedremo, Ciano ad esempio è fermo da quasi un mese e dunque valuteremo se sarà più utile nei 70 minuti iniziali o se nell’ultima mezz’ora. Chi mancherà? Bardi ha avuto la varicella, Gori al di là dell’influenza lamenta un fastidio al ginocchio che verrà valutato nelle prossime ore mentre gli altri sono tornati a disposizione».

IL CAGLIARI – «Ha diverse caratteristiche perché sa palleggiare grazie alle qualità dei calciatori, è una squadra che quando va sul fondo per sfruttare le qualità aeree di Pavoletti, che per me è il più forte in Italia a far quel lavoro, e poi con Joao Pedro e le mezzali sa sfruttare bene gli inserimenti da dietro. La squadra sa come comportarsi e come ovviare ai loro pericoli. Difendiamo bene sulle palle alte? Che sul quel fronte abbiamo lavorato bene fino ad oggi lo dicono i numeri, ma loro in tal senso sono bravi».

FORMAZIONE – «Modulo? Ciano farà pendere l’ago della bilancia se giocherà o meno, poiché anche Soddimo è rientrato solamente questa settimana in gruppo. Siamo pronti a giocare sia con il 3-4-2-1 che con il 3-5-2. Il Cagliari giocando con il rombo ha molta densità in mezzo al campo e non è mai facile contrapporti perché hanno delle linee di passaggio ormai consolidate».

Articolo precedente
ranieriRanieri: «Senza il Cagliari non ci sarebbe stata l’impresa Leicester»
Prossimo articolo
Frosinone, i 24 convocati per il Cagliari