Cagliari, Rastelli: «Dubbio Munari-Cinelli, Sau è pronto. Ternana squadra aggressiva e organizzata»

© foto www.imagephotoagency.it

Domani pomeriggio al Sant’Elia arriva la Ternana, gara valida per la 23^ giornata del campionato di Serie B. Il Cagliari ha l’occasione di riscattare la pesante sconfitta arrivata nello scontro diretto dello Scida e sfruttare qualsiasi risultato possa arrivare dal Piola, dove si sfideranno due concorrenti dei rossoblù: Novara e Crotone. Le Fere, dal canto loro, non perdono da tre turni ed arrivano da una importante vittoria colta allo scadere contro il Trapani, grazie alla quale sono balzate a quota 27 in classifica.

E’ appena terminata la conferenza pre-Ternana di Rastelli, nella sala stampa del centro sportivo di Assemini. Qualche parola sulla scorsa gara per poi tuffarsi nell’impegno che domani attende i rossoblù al Sant’Elia.

 

LA GARA DI CROTONE – «A Crotone abbiamo fatto due errori individuali importanti, che di solito non commettiamo. Li abbiamo pagati a caro prezzo. Quello che mi ha fatto più arrabbiare è stato vedere una prestazione buona come nel primo tempo che si è chiusa con lo svantaggio all’intervallo mentre potevamo essere avanti di due gol. Gli incidenti di percorso capitano, e ci sono anche gli avversari che cercano di approfittare dei nostri passi falsi. Siamo sempre riusciti a ripartire facendo tesoro degli errori commessi».

 

L’AVVERSARIO DI DOMANI – «Rispetto all’andata, Cagliari-Ternana è una partita completamente diversa. Non abbiamo mai rimpianto gli assenti e scenderemo in campo convinti dei nostri mezzi. La Ternana è una squadra aggressiva e organizzata. Mancherà Ceravolo che è uno dei migliori attaccanti della B, ma hanno tanti altri buoni giocatori e sono in forma; la vittoria contro il Trapani ha dato morale e ossigeno in classifica».

 

CINELLI – «La difficoltà del mercato di gennaio è quella di trovare giocatori pronti e in forma. Con Cinelli abbiamo scelto il capitano del Vicenza, un giocatore che ha fatto 21 presenze su 21 e sta benissimo. Le sue caratteristiche sono quelle della mezz’ala che cercavamo, ci può essere di grande aiuto e a seconda delle condizioni di Munari potrebbe anche giocare subito».

 

FORMAZIONE – «L’unico un po’ acciaccato era Munari, che ieri ha fatto buona parte dell’allenamento e spero che oggi possa lavorare come si deve ed essere convocato. Per la formazione ho quel dubbio e un altro, nove undicesimi sono certi. Sau? Ha saltato 4 o 5 giorni della sosta, poi prima di Crotone si è allenato con continuità e ora sta bene, è pronto per giocare dal primo minuto se scelgo così».

 

CORSA ALLA A – «Il Pescara è sempre stata una delle candidate per la promozione, nonostante un po’ di discontinuità. Ha fatto 15 punti nelle ultime 5, è temibilissima. Il Novara ha fatto un girone di andata importantissimo, ma tante sono le squadre da cui guardarsi. Bari, Spezia e tante altre. Noi dobbiamo aumentare il vantaggio sulle terze, in modo che anche un’eventuale sconfitta possa passare senza drammi. Il Cagliari deve sempre essere nelle migliori condizioni, a prescindere dai nomi. Ci è già successo di vincere cambiando nove uomini, purtroppo in Italia si guarda sempre e solo la formazione. Le sconfitte contro le prime? Il Novara era in basso quando abbiamo perso lì, la classifica di ora si è delineata proprio per i valori generali. La classifica in questa categoria comunque conta ben poco, ricordiamoci che abbiamo rischiato grosso contro il Como che era ultimo». 

 

Dichiarazioni raccolte da nostro inviato ad Assemini Sergio Cadeddu

Articolo precedente
CdS – Cagliari, via Cragno? C’è Rafael
Prossimo articolo
Verso Cagliari-Ternana, i convocati di Breda