Rastelli alla vigilia di Bari-Cagliari: «Domani dipende solo da noi, non ci accontentiamo del pareggio»

© foto www.imagephotoagency.it

La matematica ora è davvero vicina. Al Cagliari serve solo un punto per poter festeggiare il ritorno in Serie A e proverà a conquistarselo già domani a Bari, nell’anticipo della 40esima giornata di Serie B. Alla vigilia della gara, il tecnico rossoblù Massimo Rastelli ha parlato in conferenza stampa ad Asseminello.

 

«Modulo? Lo scoprirete domani, abbiamo lavorato su diverse soluzioni anche a partita in corso. Dovremo essere capaci anche di cambiare pelle. Sono tutti a disposizione tranne Dessena, Melchiorri e Munari. L’umore è ottimo, i ragazzi li ho visti carichi e hanno lavorato bene. Non dobbiamo ascoltare radioline, dipende solo da noi e questo aiuta. Dobbiamo fare una grande partita e cercare di vincerla. Fino ad ora abbiamo fatto un grandissimo percorso, se domani ci giochiamo la Serie A è la prova di un’ottima stagione. Il Bari è costruito per vincere come noi, con giocatori di qualità e record di possesso palla. Ci sarà lo stadio gremito, tanti gli ingredienti per una gara al massimo. Non è il momento di farsi domande sui risultati scorsi, ogni punto ci avvicina alla A. Ci sono stati mille episodi gara dopo gara, guardare indietro non serve a nulla. Tutti avremmo firmato per avere 8 punti di vantaggio a tre giornate dalla fine. Il Bari farà la sua partita, noi useremo le nostre strategie cercando di mettere in campo le nostre caratteristiche vincenti. Poi sarà il campo a parlare: le partite si preparano ma poi spesso devi reagire in corsa a seconda di ciò che succede nei 90 minuti. Non voglio una squadra che scenda in campo per accontentarsi di un punto. Dobbiamo fare la nostra partita e poi al 95′ vedremo. Farias? Ha lavorato sempre meglio negli scorsi giorni, domani farò le mie scelte per gli 11 titolari. Queste sono partite così particolari che magari anche uno che non si è allenato tutta la settimana può tirare fuori le energie per fare 95 minuti a mille. La gara col Livorno? Non giudicate il risultato ma la prestazione: la partita è andata come l’avevamo preparata e siamo andati addirittura sul 2-0 con l’uomo in meno. Poi gli episodi ci hanno portati al pareggio, ma se devo valutare l’atteggiamento sono contento. Se fosse finita 0-0 senza un tiro in porta non lo sarei altrettanto. Il Bari è squadra importante e con grandi individualità, dovremo stare attenti a tutti. Noi però giochiamo da squadra, e quando si è uniti si limita ogni difficoltà. Quando non siamo riusciti a farlo siamo andati in difficoltà. Ho già vinto due campionati, è la terza partita di questa portata che affronto e spero che vada nello stesso modo in cui sono andati i precedenti. Quando giochi questo tipo di partite le emozioni sono le stesse, sia che tu stia andando oltre le aspettative, sia che tu sia stato ingaggiato proprio per quell’obiettivo»

 

Dichiarazioni riportate dal nostro inviato ad Assemini Sergio Cadedu.

Articolo precedente
Bari, Camplone: «Non è il Cagliari di inizio stagione, proveremo a fare noi la partita»
Prossimo articolo
Cagliari al gran completo per Bari: Munari, Dessena e Melchiorri unici assenti