Lanciano, l’ad Maio: «Ci salveremo: ancora più uniti contro questa ingiustizia»

© foto www.imagephotoagency.it

In casa Lanciano la ripresa della preparazione in vista della sfida con il Cagliari è stata agitata dalla notizia della nuova, pesante, penalizzazione di 5 punti inflitta al club abruzzese dal Tribunale Federale Nazionale a causa di alcune violazioni Co.Vi.So.C.. Una mazzata che potrebbe rendere vana la vittoria casalinga ottenuta martedì sera contro il Novara e mettere a rischio la salvezza, dato che il club è ora scivolato al quart’ultimo posto con 38 punti. Sul campo, invece la squadra di Mariagliulo si è ben comportata nell’ultimo periodo, e senza i 7 punti complessivi di penalizzazione avrebbe 45 punti e praticamente la salvezza già in tasca. 

 

La società ha comunque annunciato ricorso contro la decisione del Tribunale Federale Nazionale, e a parlare in casa rossonera del clima che si respira ci ha pensato l’amministratore delegato Guglielmo Maio, che ha voluto lanciare un appello alla tifoseria. Queste le parole dell’ad, riportate da Lanciano24.it«Una punizione assolutamente inadeguata, perché c’è ancora un appello da fare, e lo faremo perché abbiamo tutte le nostre ragioni da far valere. In questo momento mi preme dire ai tifosi che dobbiamo essere ancora più squadra contro questa ingiustizia, tutti insieme tifosi, società e giocatori che già stanno facendo un miracolo. Non eravamo morti a gennaio e non siamo morti adesso. La Virtus si salverà: sono tranquillo e fiducioso e ancora più arrabbiato di prima».

Articolo precedente
Cagliari, la Serie A passa al Sant’Elia
Prossimo articolo
Ulivieri: «Caso Totti? Con O’Neill puntai sugli stimoli»