Connettiti con noi

Hanno Detto

L’allarme di Preziosi: «Senza pubblico i club sono a rischio. Il campionato potrebbe non iniziare»

Pubblicato

su

Il presidente del Genoa Enrico Preziosi ha lanciato l’allarme chiedendo la riapertura degli stadi almeno al 50%

Enrico Preziosi, presidente del Genoa, in una intervista al Corriere della Sera ha lanciato l’allarme per tutti i club in vista della possibile mancata apertura degli stadi al 50%.

RISCHIO ECONOMICO – «Senza pubblico negli stadi e forme di aiuto dal Governo, il Chievo potrebbe non essere un caso isolato. I bilanci di molte società sono a rischio. È semplice da spiegare: dopo un anno e mezzo di mancati introiti da botteghino ora la nuova regola impone il distanziamento interpersonale di un metro. In pratica in quasi tutti gli stadi d’Italia saremmo costretti, se la normativa venisse confermata, a occupare un seggiolino ogni quattro, aprendo di fatto gli impianti per il 25 per cento della capienza. Con queste imposizioni avviare la campagna abbonamenti o vendere i pacchetti hospitality è impossibile. Io poi ho pure il rammarico di aver appena investito cifre ingenti per ammodernare Marassi».

POSTI A SCACCHIERA – «Diciamo che almeno con quella formula, base dei colloqui fra Lega e Figc con il Governo, il 50 per cento della capienza sarebbe garantito. Però vado oltre e mi chiedo: perché nei bar e ristoranti al chiuso si può entrare con il green pass senza limitazioni e in uno stadio, all’aperto, no? Muoviamo la passione di 38 milioni di persone: il calcio può essere un veicolo per convincere i no vax. Qualche volta mi viene un brutto sospetto».

CLUB – «Ho la sensazione che qualcuno percepisca i presidenti delle società di calcio come ricchi scemi. Il luogo comune è “si lamentano ma poi siglano contratti milionari”. Ma a chi nutre questa convinzione vorrei spiegare che per ogni accordo siglato, la metà degli ingaggi pattuiti ai giocatori viene riversata nelle casse dello Stato in forma di contributi. Le società di calcio sono aziende e come tali dovrebbero essere trattate. Perciò mi domando come sia possibile che il Governo, che con le regole sul pubblico negli stadi limita le mie entrate, poi pretenda dal calcio gli stessi prelievi fiscali precedenti alla pandemia».

ASPETTATIVE – «Premesso che il mio pensiero è condiviso da tutti i presidenti, sia di società medio-piccole che grandi, dal momento che tutti abbiamo sopportato perdite — quelle del Genoa si attestano sui 34 milioni —, auspico che si apra un tavolo con l’Esecutivo per trovare una soluzione. Il calcio è formato da presidenti che hanno messo miliardi nel sistema, consentendo anche allo Stato di beneficiarne. La nostra è una partnership. Più lavoro, più guadagno, più inietto soldi nelle casse dello Stato. Ma per sopravvivere abbiamo bisogno se non di ristori, almeno di rateizzazioni o dilazioni fiscali altrimenti il sistema implode. Quando i soldi finiscono, terminano per tutti, comprese le Leghe inferiori e gli altri sport: non dimentichiamo che la Serie A alimenta tutto il movimento sportivo italiano».

VACCINI – «In uno sport di contatto il vaccino dà maggior sicurezza, ma poiché non lo si può imporre per legge credo che il suggerimento del presidente federale debba essere inteso più come un invito al buon senso».

ASSEMBLEA LUNEDI – «Se prosegue la mancanza di dialogo con il Governo, dovremo pensare a una soluzione. In tal caso dovremmo fermarci a pensare a cosa fare. Le nostre richieste non possono non essere prese in considerazione ma sono fiducioso che attraverso un tavolo di negoziazioni arriveremo con l’Esecutivo a un punto di intesa».