La strana storia di Zahavi: dal gol al Cagliari al trasferimento

© foto www.imagephotoagency.it

Giorno di presentazioni in casa Maccabi: si tratta del fantasista ex Palermo, Eran Zahavi, passato proprio in questa sessione dal club siculo agli israeliani. Il classe 1987 conta di ritrovare la forma perduta nella squadra della capitale, per poter poi trascinare la propria nazionale ai mondiali in Brasile del prossimo anno. 

Eppure, il piccolo Zahavi, non aveva iniziato per niente male l’avventura in Italia. Certo, su di lui pesava la pesante eredità lasciata da Javier Pastore; ma di lui, gli addetti ai lavori ne parlavano benissimo. Numeri alla mano, però, la sua parentesi italiana non può che ritenersi sfortunata: due soli gol all’attivo, uno dei quali contro il Cagliari, alla prima da titolare con il Palermo. Una bomba sotto l’incrocio dopo nemmeno 20” di partita. 

Poi le prestazioni a corrente alternata, le idee confuse del presidente Zamparini, indeciso sulla linea tecnica da seguire, hanno inciso sulla sua esclusione, fino alla cessione di questo gennaio. 

E se chiedete a Zahavi di cosa ne pensa della sua avventura al Palermo ecco cosa risponde: “In Italia non ho fallito, ho giocato 20 partite il primo anno, poi non ho trovato spazio.”

Articolo precedente
Mannoni passa al Savona
Prossimo articolo
Palermo, Brienza recupera per il Cagliari