L’ex rossoblù Giuseppe Pancaro: “Il Cagliari? Si salverà senza problemi. Ma triste vedere…”

© foto www.imagephotoagency.it

Il grande ex rossoblù, attualmente vice allenatore del Modena, Giuseppe Pancaro ha parlato dei suoi trascorsi in Sardegna (stagioni 1992-1997, con la storica partecipazione in Uefa e il suo goal nella semifinale d’andata rifilato all’Inter di Zenga), l’Isola che l’ha visto crescere sia come giocatore che come uomo prima di lasciarla per indossare in ordine cronologico le maglie di Lazio, Milan, Fiorentina e Torino, della squadra rossoblù attuale ed inevitabilmente della questione stadio, purtroppo ancora tanto attuale nell’ambiente cagliaritano. Questi i passaggi selezionati dalla redazione di CagliariNews24 dell’interessante intervista che si può leggere nell’ultimo numero della rivista ufficiale del Cagliari, “Cuore Rossoblù”:

La prima cosa che ti viene in mente quando ripensi a Cagliari?
“Sono tante. Ero un ragazzino quando arrivai, sono partito da uomo maturo. Trovo solo elementi positivi della mia esperienza in rossoblù. Avevo instaurato un feeling speciale con la gente e la città. Il mare della Sardegna poi non ha eguali. Torno ogni anno nell’isola per le vacanze”.

Cosa pensi del Cagliari di quest’anno?
“Ho visto un paio di partite, è la solita buona squadra che si salverà tranquillamente. Bisogna fare i complimenti al presidente che ogni anno allestisce una rosa competitiva e scova potenziali campioncini”.

Da fuori che idea ti sei fatto sulla questione stadio?
“Non posso esprimere un giudizio nel merito perchè non conosco i particolari. Dico solo che è triste vedere il Cagliari giocare le partite casalinghe a porte chiuse o fuori dalla Sardegna. Spero che si trovi una soluzione per il bene della società e dei tifosi”.

 

Articolo precedente
Is Arenas, la conclusione di Zazzaroni post visita Serra: “Comunicato della Prefettura? Cagliari con le mani legate”
Prossimo articolo
Siena-Cagliari, toscani avranno la spinta in più dei giovanissimi tifosi