Connettiti con noi

Hanno Detto

Joao Pedro: «Non ho nessuna intenzione di lasciare il club. Sulla salvezza…»

Pubblicato

su

Joao Pedro ha rilasciato una lunga ed interessante intervista al portale brasiliano Calciopedia.com: queste le parole dell’attaccante del Cagliari

Joao Pedro ha rilasciato una lunga ed interessante intervista al portale brasiliano Calciopedia.com. Le parole dell’attaccante.

SETTE ANNI AL CAGLIARI – «Oggi vediamo pochi giocatori che hanno una grande continuità nella stessa società. Penso che la cosa più bella sia creare un’identità, una connessione, un feeling con la squadra, che normalmente in una o due stagioni non puoi farlo. Sette anni sono tanti. Ho passato tutto qui, momenti positivi e negativi, e questo mi dà forza. Il Cagliari fa parte della mia carriera e della mia vita in generale».

PALERMO – «Al Palermo è stato bello perché ero molto giovane e volevo davvero giocare in Europa, soprattutto in quel periodo in cui il Campionato Italiano era il più importante del mondo.. Il mio legame con il Cagliari è nato perché cerco sempre di darmi il massimo e già al primo anno ho creato questo legame, anche se eravamo retrocessi. L’anno successivo siamo saliti e abbiamo creato un forte legame. Da quel momento in poi è stata solo gioia».

CAPITANO – «La questione dell’essere un capitano in Italia è molto interessante perché hanno molto rispetto. Non è solo un bracciale, devi vincere e capire il club. Di solito scelgono chi ha identità con la squadra. Ho avuto l’opportunità di giocare con Daniele Conti, che ha giocato 16 stagioni al Cagliari, e quando penso al capitano, penso a lui. Negli ultimi tre anni sono stato uno dei tre capitani, ma quest’anno sono diventato il primo. È molto bello, ma è una grande responsabilità, diventi un esempio, devi bilanciare lo spogliatoio e l’ambiente esterno, avere un buon rapporto con i tifosi e la dirigenza. Non pensavo sarebbe stato così difficile e faticoso, ma allo stesso tempo è molto piacevole. La fascia da capitano il giorno della partita è la meno importante, ciò che conta è questo allenamento. Guardo molto Daniele, che attualmente lavora ne club».

DOPING«È stato traumatico perché è qualcosa che non mi aspettavo. È stato troppo veloce. Non ho capito niente. In generale, l’atleta ha pochissime indicazioni e io, in particolare, quando ho letto la parola doping, l’ho sempre associata ad un atleta che era drogato. Quando è successo a me, ho deciso di leggere molto per capire come funzionano i casi e ho visto che è diverso. Certo, ci sono molti che drogano, ma ci sono molti casi di contaminazione da una medicina sbagliata che il medico dà. Ho preso una botta, ma sono stato fortunato perché ho adempiuto alla sospensione (sei mesi) quando non c’era il campionato, era una vacanza. Quando sono tornato, il Cagliari è stato fantastico con me. Uscivo pochissimo per strada, ero molto turbato, ma il Cagliari mi ha abbracciato e i tifosi hanno sempre mostrato sostegno. Mi ha aiutato molto. Sono tornato più goffo. Devo essere invecchiato di circa cinque anni».

ALLENATORI AL CAGLIARI – «Ho lavorato con molti allenatori qui, ma tutti con caratteristiche diverse. Ma uno che mi ha aiutato e ha creduto molto in me, anche se per brevissimo tempo, anche al primo anno, è stato [Gianfranco] Zola. Lui, che qui è un idolo, ha mescolato la parte tattica con l’improvvisazione. Mi ha chiamato e mi ha spiegato tutti i dettagli e così sono riuscito a bilanciare queste due parti. Zola era un genio come giocatore e tutto quello che mi ha detto, l’ho fatto e ha funzionato (ride). Il mio periodo migliore al Cagliari all’inizio  è stato con lui, ho imparato molto».

DI FRANCESCO E SEMPLICI – «Di Francesco è un ragazzo molto intelligente, che studia molto il gioco ed è molto dettagliato. Per lui, ad esempio, un metro in campo e la posizione del corpo fanno la differenza. Ma il Cagliari, nonostante cresca molto, resta una piccola squadra. È ancora una lunga camminata per avvicinarsi ai grandi e Di Francesco è un grande allenatore di squadra. Costruisce la squadra, tatticamente molto offensiva, con pressione in continuazione ed è difficile imporla quando si gioca in squadre piccole perché lì si gioca quasi per non perdere. Ha sofferto molto con quello e il Cagliari non è ancora al livello dei grandi. Semplici, invece, era un allenatore che era alla Spal e che ha salvato due volte dalla retrocessione la squadra, molto più piccola del Cagliari. Quello che ci ha portato è stata la semplicità. Chiudi, gioca bene».

GIOCARE PER L’ITALIA COME TOLOI – «Ho la cittadinanza italiana, ma non ho mai pensato di giocare per la squadra italiana. Non potevo farlo particolarmente. Primo perché sono brasiliano. Punto. Rispetto e amo l’Italia. Ho un legame molto forte, dato che mia moglie è italiana, i miei due figli sono nati qui, ho una storia in Italia, ma giocare nella squadra italiana non ci avrei mai pensato. E non è perché non voglio, ma non penso di meritarlo. Lo paragono all’andare in guerra: se devo andare, andrò in Brasile perché sono brasiliano e morirò per il mio paese. Ho giocato più di 50 partite per le squadre brasiliane di base, so quanto sia diverso quando indossi quella maglia, è indescrivibile. Preferisco non andare più in Nazionale, cosa che può succedere, che andare in Nazionale italiana, non importa quanto ho la cittadinanza».

FUTURO – «Quando il mercato si avvicina, puoi sentire un po ‘di tutto. Non penso di lasciare il Cagliari, primo perché viviamo in un momento molto difficile in campionato e non puoi pensare ad altro. Stiamo soffrendo molto e raccogliamo i pezzi per rinascere. Sono anche molto disconnesso. In tutti i mercati me lo chiedono, anche mio padre chiama per sapere (ride), e io non dico quasi nulla. Dico al mio manager di non chiamare se non ho niente di spettacolare. Se sono qui, sono qui. Ho un buon contratto qui, sono il capitano della squadra e non ho nessuna idea di lasciare il club».

TORNARE IN BRASILE «Per ora non penso. Ho tanta voglia e curiosità di giocare in Brasile, dopotutto sono partito giovanissimo e ho giocato pochissimo. Il mio tempo al Santos non è stato buono. Voglio giocare in Brasile ora che sono più maturo, ma oggi, in particolare, sto vivendo un momento incredibile in un campionato molto difficile. Non penso di tornare in Brasile oggi, ma non voglio nemmeno tornare indietro solo per concludere la mia carriera, voglio tornare ad arrendermi».

SALVEZZA – «Questo è il pensiero. Nelle prossime due partite abbiamo una chiara possibilità di salvarci, andare avanti e ricominciare da capo per la prossima stagione. È stato un mese molto difficile perché, quando sei in zona retrocessione, sembra che stia andando tutto storto. È stato quasi un ritorno di cuore, per chi davvero non vuole andare in seconda divisione. Il girone ha chiuso, abbiamo raccolto nove punti in una settimana, abbiamo pareggiato con il Napoli, che era una delle migliori squadre del campionato, e domenica abbiamo un’altra partita importante, contro il Benevento, in trasferta. È una grande opportunità per giocare e andare avanti. Abbiamo un’ottima squadra sulla carta, anche se in campo abbiamo sofferto. Purtroppo fa parte del gioco, senza voler trovare scuse».

SERIE A – «Il livello degli ultimi anni è aumentato. Basta pensare ad un giocatore come Cristiano Ronaldo, della Juventus, un allenatore come Conte, all’Inter, ora Mourinho alla Roma, Lukaku che fa tanti gol… Questo fa già molta differenza. L’Italia sta tornando a quello che era, un campionato top e che lotterà per essere uno dei migliori. E l’Italia se lo merita, vive il calcio quasi come il brasiliano. Penso che la questione del fatto che la squadra italiana abbia attraversato una fase negativa, principalmente a causa del cambio generazionale dei giocatori, sia ricaduta anche sul campionato. Per le persone che sono qui, il livello è più alto, ma più piacevole».

PROGETTO GIULINI – «Il Cagliari stesso è cresciuto molto perché ha già l’ambizione di fare qualcosa di meglio, investire e lavorare. Non è facile perché non è dall’oggi al domani. Devi installare una nuova mentalità, costruire solide fondamenta, essere paziente, sapere come soffrire e trovare un equilibrio. Qui abbiamo una buona mentalità. Inoltre, è un medium che conosce, è un ragazzo molto intelligente e ambizioso. Sta già costruendo un nuovo stadio e sta portando giocatori importanti. Certo, i tifosi vogliono che il Cagliari arrivi tra i primi 10, vada in Europa League, ma in campo sappiamo che non è facile. Il pensiero è quello di continuare con la voglia di crescere, perché il Cagliari lo merita e la Sardegna lo merita, ma bisogna avere pazienza con il processo.».

Advertisement