Jeda: «Tifosi, state vicini a Rastelli»

© foto

L’ex attaccante brasiliano del Cagliari Jedaias Capucho Nieves, noto a tutti come Jeda, ha parlato del momento che sta vivendo attualmente la squadra rossoblù di Rastelli in Serie A

MANITA NAPOLETANA – Due stagioni e mezzo sono bastate a Jedaias Capucho Nieves, noto a tutti come Jeda, per entrare nel cuore dei tifosi del Cagliari. L’attaccante brasiliano classe 1976, attualmente in forza al Seregno (Serie D), ha parlato in un’intervista concessa ai microfoni di gianlucadimarzio.com. Inevitabile l’argomento che riguarda la sua ex squadra, che sta vivendo un momento complicato in Serie A, ad iniziare dal pesante 0-5 incassato in casa contro il Napoli: «Ci ho pensato tanto e una sconfitta così pesante, con un avversario particolare come il Napoli, al Sant’Elia non l’ho mai vissuta. Ma dico una cosa. Il Cagliari non è una squadra che deve vincere lo scudetto o andare necessariamente in Europa: l’obiettivo è salvarsi. I rossoblù sono tornati subito in Serie A e, anche se perdere con il Napoli fa male, penso che la tifoseria debba essere contenta. Hanno trovato una brutta giornata anche a Empoli, ma i punti in classifica per fortuna sono sufficienti per stare tranquilli».

RASTELLI – Jeda prova a dare anche qualche consiglio: «Alla squadra consiglio magari di evitare di incassare così tanti gol: rende più difficile digerire le sconfitte. Il consiglio che posso dare ai miei vecchi tifosi, ai quali voglio un mondo di bene, è di stare vicini a Rastelli e di pazientare. Il momento brutto passerà e la vita ci dà sempre l’opportunità per un riscatto. Non bisogna sfasciare tutto, non è mai stato nel DNA del popolo cagliaritano. Arriverà il momento giusto per puntare a qualcosa di più prestigioso della salvezza».

Articolo precedente
crociato melchiorri cagliariCagliari, ansia Melchiorri: domani consulto per il ginocchio
Prossimo articolo
di gennaroCalciomercato, Vicenza e Frosinone su Di Gennaro