Serie A, integrazioni al protocollo: palla a Governo e Cts

lega serie a emergenza coronavirus
© foto Lega Serie A

In giornata Lega Serie A, FIGC, FMSI e medici sociali si sono riuniti producendo delle integrazioni al protocollo: il comunicato

Le modifiche apportate al protocollo per gli allenamenti a seguito delle indicazioni del Comitato tecnico scientifico hanno alzato la polvere delle incognite, con parecchi club di Serie A – tra cui il Cagliari – che hanno richiesto degli ammorbidimenti su alcuni punti. Su tutti, il comportamento da tenere in caso di riscontro di positività nel corso degli allenamenti: ad oggi, è prevista una quarantena collettiva, che di fatto metterebbe a serio rischio la preparazione della ripresa. Per trovare un compromesso, in giornata c’è stata una riunione tra Lega Serie A, FIGC, federmedici sportivi e medici sociali di A. Dall’incontro, sono emerse delle integrazioni che ora verranno valutate dai Ministeri di Sport e Salute e dal Comitato tecnico scientifico.

IL COMUNICATO – Di seguito la nota della Lega: «Si è tenuto questa mattina, in un clima di fattiva collaborazione, l’incontro tra la Figc, la Lega Serie A, il presidente della Fmsi Maurizio Casasco e il rappresentante dei medici della Serie A, Gianni Nanni. Sono stati analizzati i punti del protocollo difficilmente attuabili e sono state costruttivamente elaborate alcune integrazioni atte a risolvere problematiche oggettive. Vi è stata una generale condivisione delle proposte finali, formulate per garantire una ripresa in piena sicurezza degli allenamenti di gruppo, che verranno tempestivamente sottoposte al Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport, al Ministro della Salute e al CTS».