I medici di Serie A: giocare, ma serve altro tempo per farlo in sicurezza

© foto Db Reggio Emilia 09/03/2020 - campionato di calcio serie A / Sassuolo-Brescia / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: controlli Coronavirus Covid 19 termoscanner

I medici dei club di Serie A sono favorevoli alla ripresa del campionato ma a patto che venga preso altro tempo per stabilire la sicurezza

I medici sociali delle squadre di Serie A già la scorsa settimana avevano sottolineato alcune criticità del protocollo della commissione medica Figc. I temi sono noti: la disponibilità di test e tamponi, il comportamento in caso di positività, la difficoltà di costruire il gruppo chiuso, i chiarimenti sulle responsabilità del medico, come scritto da La Gazzetta dello Sport. 

Alcuni club, con i loro medici, hanno chiarito di non aver espresso contrarietà alla ripartenza, prima della dichiarazione dei medici sociali all’Ansa che affermano di non precludere nessuna ripartenza: «Siamo tutti perché il torneo venga concluso, il problema è quando, perché va fatto in sicurezza».