Connettiti con noi

Prima Pagina

Guardiola e la maledizione africana

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Si è conclusa ieri sera la finale di Champions League tra Manchester City e Chelsea con gli uomini di Tuchel vincenti per 1-0 grazie al gol di Havertz siglato nel primo tempo.

Il cammino di Guardiola in Champions dopo l’esperienza fantastica e ricca di vittorie col Barcellona, si è rivelato piuttosto complicato, visto che col Bayern e col City in 8 anni ha raggiunto appena una semifinale e una finale, perdendo rispettivamente contro Tottenham e, appunto, Chelsea.

Ci torna in mente la “maledizione” dell’agente di Yaya Tourè, che dopo la rottura tra Pep e l’allora centrocampista dei citizens disse che Guardiola non avrebbe mai più vinto la Champions.

Queste infatti le parole dell’agente di Tourè all’epoca: “Sono sicuro che molti sciamani africani non permetteranno a Guardiola di vincere la Champions in futuro. Sarà come una maledizione africana su Guardiola”. 

Correva l’anno 2018, e come detto Guardiola dopo tali parole non è stato più in grado di sollevare la coppa dalle grande orecchie, pur andandoci vicinissimo nella finale di ieri sera.

Finale che tuttavia ha visto il Chelsea meritare pienamente la vittoria, a dispetto dei pronositici dei siti scommesse che davano il Manchester City nettamente favorito sui Blues.

Ovviamente tirare in ballo sciamani e maledizioni varie è una esagerazione, tuttavia i citizens venivano dati per vincenti quasi sicuramente visto che il City vincente Champions League era quotato appena 1.40, davvero pochissimo.

A sorpresa a vincere, come sappiamo benissimo, è stato poi il Chelsea di Tuchel e Thiago Silva, con entrambi che si sono presi la rivincita dopo aver perso la finale della scorsa edizione contro il Bayern Monaco, quando entrambi si trovavano al Psg.

Advertisement

News

Advertisement