Giulini: «Chi voleva i nostri giocatori doveva pensarci prima»

© foto 04-08-2020 Cagliari, Teatro Doglio, Presentazione Di Francesco e Carta. Foto Gianluca Zuddas/CagliariNews24.com. Nella foto: Giulini

Il Presidente del Cagliari Tommaso Giulini ha preso la sua decisione: tempo scaduto per le offerte, ora si pensa ad agevolare le uscite

Mancano quattro giorni a lunedì quando le porte di questa lunghissima sessione di calciomercato si chiuderanno. Mentre si aspetta il ritorno del Ninja Radja Nainggolan e si pensa a quali altre mosse mettere in pratica per rafforzare la squadra, Tommaso Giulini, durante la presentazione di Diego Godin, parla chiaro e annuncia la sua decisione: «Oggi non ci sarebbe la possibilità di sostituire i giocatori più importanti quindi tempo scaduto per le offerte di chi avrebbe voluto i nostri campioni. Non vogliamo certo indebolirci. Chi voleva i nostri giocatori avrebbe dovuto pensarci prima». Il patron rossoblù, quindi, rifiuta così tutte le proposte fatte da altri club per quelle che sono le pedine fondamentali del Cagliari: Joao Pedro, Nahitan Nandez, Giovanni Simeone. Qual è quindi l’obbiettivo ora? Agevolare le uscite, sfoltire una rosa costituita attualmente da ben trenta giocatori che complica il lavoro sul campo e le casse della società. «Altri acquisti? Ne abbiamo fatti sette spendendo circa dieci milioni, non abbiamo acquistato i giocatori per far scaldare loro la panchina. Abbiamo stima di tutti e ora dobbiamo dar modo di crescere. Non possiamo giudicare la squadra dopo appena due partite».

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!