Genoa-Cagliari, le statistiche della sfida: sardi schiacciati in possesso palla e tiri in porta

© foto www.imagephotoagency.it

L’esordio in Serie A poteva andare meglio per il Cagliari di Rastelli, che ha perso 3-1 a Genova dopo essere passato inizialmente il vantaggio. Nel calcio a volte basta un tiro in porta per portarsi a casa una partita sofferta e chissà cosa sarebbe successo se il tiro di Giannetti non si fosse stampato sul palo. La maggior parte delle volte, però, le statistiche riflettono in maniera inesorabile il risultato di una gara che il Genoa ha dominato territorialmente per quasi tutti i 90 minuti.

 

POSSESSO PALLA – L’analisi del possesso palla è quasi imbarazzante per i rossoblù: appena il 32% contro il 68% dei padroni di casa. Il possesso non sempre determina la pericolosità, ma fa capire quale delle due squadre avesse il pallino del gioco. Il Genoa ha avuto il controllo del pallone per quasi 34 minuti effettivi, dei quali 21 trascorsi nella metà campo cagliaritana. Dall’altra parte il Cagliari è rimasto con il possesso palla nella metà campo genoana per nemmeno 6′, segno che la volontà della squadra fosse quella di ripartire e tentare subito l’affondo. C’è riuscita con il gol di Borriello, mentre con Giannetti ha sfiorato il colpo del k.o. Il Genoa inoltre ha portato avanti ben 34 azioni manovrate, contro le dei rossoblù di Rastelli, che hanno preferito affidarsi ai lanci lunghi (17).

 

TIRI IN PORTA – Altro dato significativo è quello dei tiri in porta. I giocatori di Juric hanno tirato 18 volte verso la porta di Storari: 7 volte hanno centrato lo specchio, volte sono riusciti a segnare. Il Cagliari ha invece tirato solo 4 volte e sempre nello specchio, ma solo il colpo di testa di Borriello ha battuto Lamanna.

 

MA IL CAGLIARI CORRE – Nonostante la tanta sofferenza (o forse proprio per la tanta sofferenza), il Cagliari ha corso più del Genoa, macinando in totale oltre 102 chilometri, contro i 98 del Genoa. I giocatori ad aver corso di più per tutta la partita sono state le due mezzali Ionita (11,4 km) e Padoin (11,03 km). Un dato da cui ripartire in vista della gara di domenica contro la Roma al Sant’Elia.

Articolo precedente
Cagliari Primavera, pareggio in amichevole contro la Ferrini
Prossimo articolo
Roma, domani il ritorno del preliminare di Champions contro il Porto