Fonseca e il Cagliari: «Ranieri ci fece credere nell’impresa»

© foto www.imagephotoagency.it

Si commuove Daniel Fonseca per il successo di Claudio Ranieri in Premier League. Per l’ex attaccante, ora procuratore, l’allenatore del Leicester City è un “padre” calcistico. Le loro strade si sono incrociate a Cagliari: «Lui mi volle a Cagliari. Poi mi portò a Napoli. Nei primi mesi rossoblù non riuscivo a segnare e se ho resistito lo devo a Ranieri, che mi ha aiutato nei momenti difficili e ha sempre creduto in me. Dopo un anno e mezzo in Sardegna passai in azzurro per una cifra altissima per l’epoca. In seguito all’addio di Maradona scelsero me come giocatore straniero su cui puntare e questo mi riempì d’orgoglio. Con Ranieri c’è sempre stato un rapporto fantastico, mi sento in famiglia. A Cagliari eravamo spacciati, la retrocessione era già scritta. Lui riuscì a farci credere nell’impresa. Quelle frasi diventarono dei tormentoni, che mi sono rimasti dentro per sempre. ‘Non guardiamo gli altri, guardiamo a noi stessi, come migliorarci’. ‘Non mollate mai, nulla è impossibile’. ‘Accetto una sconfitta solo se gli avversari sono stati più bravi di noi’ tutte queste frasi qua mi fanno venire i brividi, mi emozionano ogni volta che ci penso. Mi fanno tornare indietro di 26 anni, quando tutto cominciò», ha raccontato Fonseca a GianlucaDiMarzio.com.

Articolo precedente
Bari, seduta mattutina in vista del Cagliari
Prossimo articolo
Cagliari, Capozucca: «Manca un punto per la matematica, speriamo di farlo a Bari»