Presidente FIGC, nessun eletto: sarà commissariamento

malagò
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo quattro scrutini non si è arrivati all’elezione del nuovo presidente della FIGC: una sconfitta per il calcio italiano, per molti annunciata. Il primo febbraio si conoscerà il nome del commissario, in pole Malagò

Forse aveva ragione Malagò, quando qualche tempo fa suggerì di rinviare le elezioni del nuovo presidente della FIGC. Il periodo storico che sta vivendo il movimento calcistico italiano è riassunto in tre punti: Nazionale senza ct, Lega Serie A commissariata e Federazione quasi. Perchè, dopo le quattro votazioni di ieri che non hanno portato ad un eletto, dal primo febbraio si conoscerà il nome del commissario. Una sconfitta, come l’hanno definita tanti dei protagonisti agli scrutini di ieri, che sembrava già scritta. Non c’erano i presupposti perchè uno dei tre candidati – Gravia, Sibilia e Tommasi – avesse la maggioranza assoluta, nè tanto meno speciale, delle preferenze: giovedì è stata convocata da Malagò un’assemblea straordinaria del CONI.

COMMISSARIAMENTO – Ed è proprio il presidente Comitato Olimpico Nazionale Italiano in testa per diventare commissario della federazione. Oltre a lui circolano i nomi di Franco Chimenti (vice presidente CONI), Roberto Fabbricini (segretario generale CONI), Roberto Pancalli (presidente del comitato paraolimpico ed ex commissario FIGC). Oltre ai nomi di natura istituzionale, ci sono anche quelli di ex calciatori: su tutti quelli dell’ex milanista Costacurta.

Articolo precedente
ragatzu olbia cagliariCagliari, ufficiale la firma di Ragatzu: per ora resta in prestito all’Olbia
Prossimo articolo
serie aCagliari, febbraio caldo: la lotta salvezza entra nel vivo