Federico Melchiorri – I pagelloni di CagliariNews24

© foto www.imagephotoagency.it

Per mezzi tecnici e fisici, Federico Melchiorri è l’attaccante più forte a disposizione di Massimo Rastelli. Solo la sfortuna ha impedito al numero 9 marchigiano di arrivare prima della prossima stagione in Serie A. Destro, sinistro, colpo di testa, velocità, progressione, controllo di palla, gioco aereo e un cuore che pochi giocatori hanno.

 

I tifosi del Cagliari hanno potuto ammirare il pacchetto completo di Melchiorri in questa annata di Serie B, dopo che nella passata stagione si era distinto come il miglior attaccante del campionato cadetto con la maglia del Pescara. La traversa colpita in finale contro il Bologna gli ha impedito di conquistarsi sul campo la Serie A. L’avrebbe potuta giocare quest’anno con la maglia del Carpi, ma lui ha preferito il blasone rossoblù e sudarsi quella maledetta promozione.

 

Fosse per Rastelli avrebbe giocato ogni partita. Non solo per le straordinarie doti tecniche, ma soprattutto per il lavoro che fa in fase difensiva e senza palla. Si sblocca già alla terza giornata al Sant’Elia contro l’Avellino, per replicare poi alla settima contro il Cesena, dove per la prima volta fa vedere realmente cosa è in grado di fare. La gara in casa dello Spezia è la migliore del suo campionato. È quella della sua prima doppietta in rossoblù, quasi tripletta, considerando che propizia l’autogol del 3-0 nel tentativo di servire un assist ad un compagno. Sì, perché Melchiorri è anche un attaccante altruista.

 

Dopo la lunga pausa invernale a fine girone d’andata e la squalifica per i fatti di Salerno, Melchiorri sembra faticare a trovare la forma fisica migliore. La ritrova a Latina dove segna un’altra doppietta. Nel momento più difficile della stagione del Cagliari, però, arriva l’ennesima mazzata della sua carriera. Si infortuna in allenamento e il referto è dei peggiori. Lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro, tradotto: stagione finita. Ciò non gli impedirà di festeggiare con la squadra la promozione conquistata matematicamente a Bari, anche se avrebbe preferito un finale da protagonista.

 

Ma Melchiorri è stato protagonista di questo campionato, anche se i numeri non dicono la verità su quanto ha fatto il numero 9 rossoblù. Otto gol e nove assist in 27 partite non sono pochi, ma per quanto visto in campo avrebbe potuto fare molto di più. E lo farà l’anno prossimo, in quella Serie A che ha finalmente conquistato sul campo.

 

VOTO 7,5

Articolo precedente
Serie A, riforma 4+4: la situazione del Cagliari
Prossimo articolo
Memorial “Mariani-Pavone”, il Cagliari U17 in finale si arrende alla Stella Rossa