Di Francesco e il duttile Joao Pedro: aria di cambiamenti?

joao pedro cagliari
© foto 02-12-2019 Cagliari, Calcio Serie A 2019/20, Sardegna Arena, Cagliari vs Sampdoria. Foto Gianluca Zuddas per Cagliarinews24.com. Nella foto: esultanza Joao Pedro

A una settimana dal match Torino-Cagliari, Di Francesco pensa a qualche cambiamento. Joao Pedro potrebbe ritrovare Pavoletti

Prima partita per il Cagliari dopo l’incredibile calciomercato che ha visto la squadra di Giulini e del mister Di Fra coinvolta tra grandi sorprese, affari sfumati e speranze rimandate a gennaio. Domenica 18 ottobre alle 15, infatti, i rossoblù sfideranno il Torino in trasferta e come riporta anche Il Corriere dello Sport di questa mattina, pare che ci possano essere dei cambiamenti nell’assetto della squadra, soprattutto sul fronte offensivo. Pedina fondamentale di questa trasformazione sarà il brasiliano Joao Pedro, a lungo corteggiato dai granata rimasti con la bocca asciutta. Il numero 10 che l’anno scorso si è piazzato al quinto posto della classifica dei marcatori della Serie A con 18 reti, ha dimostrato nell’ultima partita contro l’Atalanta, di avere ancora un buonissimo fiuto per il gol, nonostante sia abbastanza improbabile che il nuovo ruolo datogli da Eusebio Di Francesco gli possa dare tante possibilità di segnare come nella passata stagione.

POSSIBILI CAMBIAMENTI – Ma eccoci arrivati al punto: undici sono i giocatori impegnati in questo periodo con le loro rispettive nazionali che quindi non hanno potuto svolgere gli allenamenti con il restante gruppo squadra in queste due settimane di sosta dal campionato. Con Giovanni Simeone a rischio, in quanto reduce dalle partite giocate con l’Argentina e dal lungo viaggio di rientro, il tecnico abruzzese dei rossoblù potrebbe far scendere in campo contro il Torino il 4-2-3-1 già utilizzato a Bergamo e dare fiducia non solo a Joao Pedro nel ruolo di trequartista ma anche a Leonardo Pavoletti che dopo il lunghissimo infortunio, viene impiegato solo negli ultimi scorci delle partite. Anche nel caso in cui si giocasse con un 4-3-3, il bomber brasiliano farebbe comodo perché potrebbe fungere da ala sinistra con prima punta Pavoletti oppure lui steso come falso nueve nella posizione centrale del tridente di attacco, con più occasioni per mettere a segno i suoi gol.

SIAMO ANCHE SU INSTAGRAM: SEGUICI!