Daniele Dessena – I pagelloni di Cagliarinews24

© foto www.imagephotoagency.it

E’ il dopopartita di Bari-Cagliari. Lo spogliatoio rossoblù è un tripudio di urla, di gioia, balli, selfie e chi più ne ha più ne metta. Daniele Dessena, da capitano, si presenta davanti alle telecamere di Sky Sport e trattiene a stento le lacrime, la voce trema e l’emozione prende quasi il sopravvento.

 

 

Questo è Dessena, il capitano. Colui che più di ogni altro rossoblù ha saputo incarnare pienamente il significato di vestire quella maglia e la fascia di capitano che fu nel braccio di icone come Conti e Lopez. Durante il primo allenamento dei rossoblù ad Asseminello, la prima sgambata aperta agli occhi della stampa, lo sguardo di Dessena – così come di tutti i reduci della retrocessione – non è dei più felici. Ricominciare da zero non è mai facile e il dolore di quella retrocessione scotta ancora. L’idea di Daniele è stata chiara: non rivangare il passato perché i ragazzi che sono arrivati a Cagliari hanno l’entusiasmo di chi sa di essere arrivato in una grande squadra e non conoscono la delusione della retrocessione.

 

 

Questa stagione di Dessena, dai più, verrà ricordata per quel maledetto infortunio contro il Brescia. Quell’infortunio che ha lasciato sotto shock tutta la squadra, che al Rigamonti perse per 4-0. Tibia e perone andate e stagione finita. Stagione finita? Neanche per idea. Daniele è uno che non molla. Non molla soprattutto lo spogliatoio e i suoi compagni, i quali vedono in lui una figura sempre più importante per l’ambiente. Nel frattempo la riabilitazione, la fisioterapie e il recupero muscolare. Il capitano rossoblù lavora sodo, vuole provare a tornare per dare una mano nel gran finale. Come spesso accade, le grandi storie hanno un gran bel finale e Daniele questo finale lo ha cercato fin da quel maledetto pomeriggio del 28 novembre. A Cagliari, con la promozione già in tasca, arriva la Salernitana. Al 46’ minuto della ripresa Storari si avvicina a bordo campo, si leva la fascia e la mette sul braccio di Daniele. L’ingresso in campo del numero 4 rossoblù è commovente per il pubblico del Sant’Elia, il quale inonda d’affetto il capitano che rientra in campo. Questa è la stagione di Daniele Dessena, una storia di sport e di vita da raccontare ai più piccini. Adesso la nuova sfida per Dessena si chiama Serie A. In bocca al lupo, capitano.

 

 

Voto: 8

 

Articolo precedente
Trapani e Pescara, una poltrona per due
Prossimo articolo
Italia Under 21, oggi in campo Barreca e Cerri