Cragno, re delle parate: primo in Italia, secondo in Europa

cragno cagliari
© foto www.imagephotoagency.it

Alessio Cragno è il secondo portiere in Europa ad aver effettuato più parate: 136. Meglio di lui solo Esser dell’Hannover

Nelle giornate negative del Cagliari di questa stagione, come quella di sabato contro la Roma, spesso l’unica nota positiva è stata la prestazione di Alessio Cragno. Inutile dire che per il portiere rossoblù questo è il campionato della consacrazione: dopo un approccio difficile alla Serie A nel 2014, è maturato, è cresciuto e ha dimostrato di poter giocare ad altissimi livelli. Non a caso Roberto Mancini lo convoca sempre in Nazionale, anche se lì deve ancora scalare le gerarchie, avendo davanti l’esperto Sirigu e il più mediatico Donnarumma. I suoi interventi hanno portato tanti punti alla squadra di Maran, come per esempio quando si è ritrovato a neutralizzare un calcio di rigore al 90′ contro la Sampdoria alla Sardegna Arena.

NUMERO 1 – Anche se gioca con la 28, Cragno è il vero numero uno: non solo del Cagliari, ma anche del campionato italiano. È il primo per parate effettuate in Serie A, ben 136. Esattamente come Marco Sportiello del Frosinone. In Europa, considerando i primi 5 campionati (Serie A, Bundesliga, Premier League, Liga e Ligue 1) solo Micheal Esser dell’Hannover, con 137, ha fatto meglio di lui. Un dato certamente positivo per l’estremo difensore rossoblù, un po’ meno per i suoi compagni di difesa. Se Cragno è primo per parate, vuol dire che la squadra di Maran concede troppe volte il tiro all’avversario. In media, 15.5 a partita. In Serie A, hanno fatto peggio Parma (19.7), Frosinone (17.1), Empoli (16.1), Udinese (15.7) e Chievo (15.6), mentre in Europa il Cagliari è la decima squadra.