Coppa Quartieri, Passetti: «Il Cagliari supporta queste iniziative» – FOTO

© foto CagliariNews24.com

In mattinata è stata presentata la quarta edizione della “Coppa Quartieri”, iniziativa organizzata dalla Fondazione “Carlo Enrico Giulini” in collaborazione, tra gli altri, con il Cagliari

In mattinata, presso la sala stampa della Sardegna Arena, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della “Coppa Quartieri”. L’iniziativa, organizzata dalla Fondazione “Carlo Enrico Giulini” e dalla comunità “Casa Emmaus” delle Missionarie Somasche di Elmas in collaborazione con il Cagliari Calcio e la Diocesi di Cagliari, è giunta alla sua quarta edizione. Un’edizione che vedrà protagonisti sei quartieri di Cagliari (Barracca Manna/Sante Teresa, Is Mirrionis/San Michele, Marina, Mulinu Becciu, Stampace, Sant’Elia/San Bartolomeo) con l’intento di unire i ragazzi attraverso i sani valori dello sport. In particolare, i ragazzi partecipanti si cimenteranno in tre discipline: calcio, pallavolo e staffetta. La finale dei tre tornei si disputerà alla Sardegna Arena ed il premio sarà l’organizzazione di una “Festa del Quartiere”. Di seguito le parole di organizzatori e collaboratori dell’evento.

COPPA QUARTIERI – Ha aperto la conferenza Ilaria Nardi: «Siamo felici di varare la quarta edizione di una iniziativa che piano piano sta prendendo una sua identità forte qui a Cagliari». Microfono, poi, a Suor Silvia Carboni: «Quest’anno i quartieri passano da cinque a sei, saranno tanti i ragazzi coinvolti. La manifestazione quest’anno vede inoltre il coinvolgimento delle scuole, importanti anche nel mettere a disposizione le loro strutture dove giocare le gare. Dopo aver creato un anno fa il logo della Coppa Quartieri, stavolta ogni quartiere ha creato un suo logo». A fare gli onori di casa il dg rossoblù Passetti: «Il presidente Giulini è molto affezionato a questa iniziativa, il Cagliari fa quel che è giusto fare ossia supporta chi si dà tanto da fare per i ragazzi. Personalmente sono nato e cresciuto a San Michele, so bene che in alcuni quartieri belli ma complicati lo sport gioca un ruolo fondamentale». Il Presidente del Coni Sardegna Gianfranco Fara ha poi spiegato l’input dell’iniziativa: «Qualche anno fa Ilaria Nardi e Giovanni Pasculli mi illustrarono questo progetto che allora operava in Lombardia nel nome di Candido Cannavò. Stipulammo subito una convenzione ma neanche io mi sarei aspettato una tale crescita e un così importante coinvolgimento di personalità e istituzioni. I quartieri in gara sono a volte considerati problematici ma partecipano attivamente alla vita della città e sono contento che questi ragazzi abbiano la possibilità di impegnarsi nei valori dello sport».

GLI ENTI DI RIFERIMENTO – La Coppa Quartieri avrà come enti di riferimento la Parrocchie San Tarcisio (quartiere Barracca Manna/Santa Teresa, Pirri), l’Oratorio della Chiesa di Sant’Eulalia nel quartiere Marina, l’oratorio Parrocchia Madonna della Strada nel quartiere Mulinu Becciu, l’oratorio della Parrocchia Medaglia Miracolosa e quello della parrocchia San Massimiliano Kobe (quartieri Is Mirrionis/San Michele), la Fondazione Somaschi Onlus (quartiere Sant’Elia/San Bartolomeo) e la Fondazione IRRM (Città dei Talenti) nel quartiere Stampace.

Contributi del nostro inviato Sergio Cadeddu

Articolo precedente
barella italia under 21Nazionali rossoblù: oggi tocca a Ionita, Han, Lykogiannis e all’Italia U21
Prossimo articolo
Corea del Nord, Han in campo nella vittoria contro Hong Kong