Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Semplici: «Ceppitelli non sarà convocato. Ora devo fare l’incazzatore»

Pubblicato

su

Conferenza stampa Semplici: le parole del tecnico alla vigilia della sfida contro l’Hellas Verona, match valido per la 29ª giornata di Serie A

Archiviata la sosta per le Nazionali il Cagliari si appresta a sfidare il Verona di Juric, la prima delle 10 finali che dovranno condurre i rossoblù alla salvezza.

Nel giorno di vigilia, venerdì 2 aprile, Leonardo Semplici ha parlato in conferenza stampa per presentare l’incontro alle 14.00. Cagliari news 24 ha seguito LIVE le sue parole.


CEPPITELLI – «Non sarà della partita. Ha questo problema al polpaccio e non sarà convocato».

MARIN – «È tornato ieri sera. Non è nelle migliori delle condizioni a causa delle tre partite in 8 giorni ma lo porteremo con noi perchè è un giocatore importante».

SOSTA – «Sono stati 10 giorni importanti, dove abbiamo cercato di migliorare quei 3-4 principi che avevo trasferito al mio arrivo. Il Verona sta facendo un grande campionato e quindi sta a noi provare a fare una bella partita per portare il risultato a casa».

CLICCA QUI PER VEDERE LA CONFERENZA STAMPA DI LEONARDO SEMPLICI

VERONA – «È una squadra di valore, allenata da due anni dallo stesso tecnico.Ha una mentalità importante, riescono a fare grandi partite e prestazioni. Dovremo cercare di portare a casa un risultato positivo perchè per noi è la vita. Bisognerà scendere in campo con una mentalità agguerrita cosa che fino ad oggi non siamo riusciti a fare».

CRAGNO – «Tutto sotto controllo, ha fatto il tampone ed è negativo. Sarà tra i convocati».

ATTACCO – «Sicuramente c’è da lavorare anche su questo aspetto ma noi abbiamo lavorato su tutto il contesto di squadra. Abbiamo 4-5 situazioni a La Spezia ed è stato importante».

PREPARAZIONE«L’aspetto fisico è importantissimo, soprattuto in questo finale di stagione. Su questo piano abbiamo cercato di portare i nostri principi, i ragazzi sanno di trovarsi in una situazione difficile. La preparazione è stata rivolta a quella che era la partita contro il Verona: mi aspetto un match sotto l’aspetto della mentalità e dell’aggressione, del voler ottenere il risultato in tutte le maniere. Tra il dire e il fare poi c’è sempre l’avversario ma i ragazzi si sono preparati bene e secondo me faremo una bella prestazione».

UMORE – «L’umore è buono ma non bisogna dimenticarsi di quello accaduto a La Spezia, dove c’è stato in risultato negativo e immeritato. Quella rabbia che c’era a fine partita deve rimanerci dentro, sono passati diversi giorni ma bisogna ripartire da lì».

ULTIMA SPIAGGIA – «È una partita molto importante, ma non la considero un’ultima spiaggia. Sicuramente sarà rilevante per il cammino finale».

WALUKIEWICZ O CALABRESI AL POSTO DI CEPPITELLI – «Ci sono anche altri che possono sostituirlo come Carboni o Klavan. I difensori sono a disposizione, sotto questo aspetto mi spiace che Luca non ci sia ma sono abbastanza sereno».

CORSA SUL TORINO – «La corsa la facciamo su noi stessi. In prima conferenza stampa mi dissero che ero un normalizzatore, no ora devo essere un incazzatore. Devo far arrabbiare i miei ragazzi perchè il tempo è poco, rappresentiamo una città e una Regione. Dobbiamo sentire la responsabilità e avere l’orgoglio di uscire da questa situazione. Sta a me che i ragazzi domani scendano in campo con una cattiveria e un desiderio di rivalsa che fino ad oggi non ci sono stati. Domani non è da dentro o fuori ma sicuramente importante».

PEREIRO – «È un giocatore di grande qualità, sicuramente nella programmazione del 3-5-2 o fa la seconda punta o la mezz’ala. Altrimenti come successo a Spezia è cambiato modulo in campo ed è andato a fare esterno di centrocampo. Mi auguro possa diventare decisivo, ha grandi qualità tecniche. È un giocatore che ritengo molto utile alla causa».