Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Semplici: «Ultima spiaggia? No, partita importante. Asamoah pronto per giocare»

Pubblicato

su

Conferenza stampa Semplici: le parole del tecnico alla vigilia della sfida contro il Parma, match valido per la 31ª giornata di Serie A

Dopo quattro sconfitte consecutive il Cagliari si appresta a sfidare alla Sardegna Arena il Parma di D’Aversa in un vero e proprio spareggio salvezza.

Nel giorno di vigilia, venerdì 16 aprile, Leonardo Semplici parla in conferenza stampa per presentare l’incontro alle 17.30. Cagliari news 24 ha seguito LIVE le sue parole.


MESSAGGIO DI GIULINI E CARBONI– «Le parole del presidente sono giuste, ora sta a noi. Questo campionato per ora non è stato soddisfacente, ma noi ci crediamo, soffriamo la situazione e i ragazzi sono i primi a capire il momento. Vogliamo una prestazione positiva domani. Carboni ha giocato bene, valuto una possibile conferma»

CLICCA QUI PER GUARDARE LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE

VIGILIA«La viviamo con la giusta attenzione e il giusto rispetto, ma allo stesso tempo convinzione di poterla farla nostra. Non abbiamo niente da perdere, sta a noi capovolgere il momento critico»

ATTEGGIAMENTO«Bisogna portare un atteggiamento diverso nei 90 minuti, cercare di seguire le forze dei ragazzi nell’intera gara per fare meno errori e produrre qualcosa di più incisivo»

STIMOLI«Non ho bisogno di stimoli particolari, lo stimolo me lo ha dato il presidente a venire in una piazza così importante. Abbiamo determinazione per arrivare all’obbiettivo e per arrivare al risultato. Fino all’ultima goccia di sangue porterò la mia mentalità, quando sei negativo ti attiri conseguenze negative. Vedo sempre il bicchiere mezzo pieno, abbiamo voglia di fare bene domani»

ASAMOAH«Asamoah è cresciuto molto, può essere uno dei titolari. Valuteremo domani dopo la rifinitura chi potranno essere i titolari. I miei titolari sono 15, i ragazzi si sono fatti trovare pronti e questo è un aspetto determinante per le prossime gare»

TRADITO DALLA SQUADRA E NANDEZ«Non mi sento tradito dalla squadra, conoscevo la situazione difficile in cui sono arrivato. Dovevo guarire il malato e sapevo che dopo le prime due partite il malato non era guarito, le prestazioni successive non sono state negative nonostante non siano arrivati i risultati. Ho grande fiducia in loro e solo con l’idea di credere nell’obbiettivo tutti insieme possiamo smentire le brutte cose che dicono su di noi. Per me sono i migliori giocatori che potessi allenare, ho ottimi calciatori e grandi uomini. Nandez l’ho impiegato sull’esterno perchè ha tanta corsa e grande passo, deve migliorare la fase difensiva però mi ha dato grande possibilità: sta a lui credere quello che propongo per esprimersi in un ruolo quasi nuovo, visto che in nazionale gioca sull’esterno»

GOL «Abbiamo lavorato su cross e profondità per mettere in atto le qualità dei nostri attaccanti, sta a noi esprimere un calcio più coraggioso per avere più possibilità. Ci è mancato il colpo finale, questa è la cosa più difficile da migliorare ma la squadra deve trovare il gusto di mettere in condizioni ottimali ogni compagno per sopperire alle mancanze che accadono durante la gara»

CROCEVIA CONTRO IL PARMA«I ragazzi lo sanno e percepiscono questo momento, sta a me fargliela vivere nella maniera giusta con le dovute pressioni. Serve consapevolezza di una prestazione caratteriale dove tutti hanno danno qualcosa in più per poter pensare di salvarsi»

CENTROCAMPISTI«Questo è un aspetto importante e contano le caratteristiche, da parte mia c’è la volontà di spingere i ragazzi a a calciare da fuori perchè tanti come Radja, Marin e Duncan hanno un buon tiro. I subentrati hanno sempre fatto buone prestazioni, ma a parte Pereiro contro lo Spezia nessuno ha fatto gol. Siamo stati sfortunati nelle partite successive, i ragazzi soffrono la situazione difficile e non scendi in campo sereno. Dobbiamo scrollarci i pensieri negativi, sapendo di non avere niente da perdere e provare a battere l’avversario»

ULTIMA SPIAGGIA – «Sotto certo aspetti siamo vicini ma non è così, è una gara determinante per il futuro ma mancano ancora tanti punti che poi ovviamente vanno fatti. Non parlo di ultima spiaggia solo di una gara importante»

CEPPITELLI – «Ceppitelli lo stiamo valutando, ha fatto solo 2 allenamenti e la prossima settimana abbiamo altri due incontri. Valuteremo con qualche allenamento in più il suo impiego. La formazione sarà molto vicina a quella di San Siro, domani dopo la rifinitura vedremo anche con lo staff medico. Io sono venuto qui con ambizione e consapevolezza della situazione, c’è la voglia da parte mia di andare a far si che questa squadra tiri fuori i mezzi che possiede. In un anno travagliato ci sono state delle problematiche, mi auguro che da domani venga fuori solo la qualità di questi ragazzi»