Connettiti con noi

News

Conferenza stampa Semplici : «Attaccare sotto la Curva Nord ci mancherà parecchio »

Pubblicato

su

Conferenza stampa Semplici: appuntamento alla vigilia di Cagliari Bologna. Le dichiarazioni del tecnico verso il match della Sardegna Arena

Dopo la vittoria contro il Crotone, il Cagliari vuole continuare nella sua rincorsa alla salvezza e mercoledì alla Sardegna Arena contro il Bologna i tre punti saranno di nuovo vitali per la corsa salvezza, che al momento dista due lunghezze dal Torino che però ha una partita da recuperare.

Leonardo Semplici, nel martedì di vigilia, ha presentato il match in conferenza stampa. Appuntamento fissato alle 14.00 presso la sala stampa di Asseminello. Cagliari News 24 ha seguito LIVE le sue parole.

CLICCA QUI PER VEDERE LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE DI SEMPLICI

CAMBI E NAINGGOLAN«Per la formazione stiamo valutando i ragazzi con l’infermeria domani capiremo bene chi sarà adattabile. Farò 2/3 cambi ma voglio dare continuità a chi ha giocato a Crotone, voglio che chi gioca possa fare 95 minuti. Nainggolan ha nelle sue corde diversi ruoli, da mezz’ala a play davanti alla difesa, ha fatto molto bene in entrambi. Quando siamo rimasti in 10 mi sono piaciuti tutti per la voglia di portare a casa il risultato»

SIMEONE «Dandoli fiducia si può motivare, sta a me metterlo nelle giuste condizioni mentali. Ci sono partite ravvicinate e darò spazio a tutti»

ASAMOAH«importante non aver subito goal ed è un aspetto basilare perchè la fase di non possesso è determinante. Ho portato poche idee ma voglio che i ragazzi le attuino con semplicità e convinzione. Ho Asamoah e Tripaldelli pronti per domani, ma ho anche alte alternative valide»

LA PARTITA DI DOMANI«Non voglio rivedere l’inizio di Crotone, dove abbiamo dimostrato il momento di difficoltà a livello di gioco e di idee. Siamo partiti timorosi e questo non deve accadere, domani il Bologna avrà grande valore e qualità. I ragazzi devono giocare sereni e propositivi. Da Crotone mi è piaciuto il secondo tempo, per il piglio giusto e i goal fatti, nonostante siamo rimasti in 10 abbiamo avuto voglia e determinazione di portare a casa il risultato. Se giochiamo così potremo fare grossi risultati, ripartiamo da qui per domani»

ZAPPA«Ha grande prospettiva e buone qualità, ho voluto far giocare persone più esperte a livello mentale. Crediamo molto in lui e sono convinto che avrà il suo spazio, deve migliorare nel suo ruolo e ci stiamo lavorando. Non abbiamo avuto il tempo per far passare ciò che voglio in questo ruolo, ma il ragazzo è valido e ci credo ciecamente. Solo attraverso gli uomini possiamo arrivare all’obbiettivo»

CAGLIARI E MARIN«Vedo Marin come una mezz’ala, se giochiamo a 3 può esprimersi bene da interno. Non avendo un play ha fatto quel ruolo in passato e può capitare anche ora, il ragazzo è disponibile ma secondo me da mezz’ala può mettersi in luce. Nella mia idea il Cagliari dev’essere molto più offensivo, ho trasmesso concetti sulla fase di non possesso perchè andava migliorata, questa è la partenza per costruire»

BOLOGNA«Auguro il meglio a Sinisa, se canta a Sanremo sa fare davvero tutto. Affrontiamo una squadra di grandi valori, soprattutto dal centrocampo in avanti. Magari non ha trovato molti risultati ma ha grandi valori, una gara difficile ma con la consapevolezza di essere un Cagliari aggressivo, propositivo e determinato non possiamo lasciare nulla di intentato. Grande rispetto per l’avversario ma sta a me cercare di convincere i miei giocatori che sono di più di quanto mostrato»

SOTTIL E SITUAZIONE ATTUALE«Sottil avrà ancora qualche giorno di fermo, mi auguro di averlo presto perchè è un giocatore importante con caratteristiche uniche nel saltare l’uomo. Mi auguro che entro 10 giorni sia a disposizione, valuterà lo staff medico. Sono venuto qua perchè ho intravisto nei giocatori qualità che ci possono portare fuori da questa situazione, hanno anche grosse qualità umana e hanno desiderio e voglia di ribaltare tutto»

GODIN«Godin ha grande esperienza e disponibilità, sono contento di poterlo allenare. Lui come altri saranno importanti per le prossime partite, già da domenica è emerso il comportamento dei più esperti che hanno giocato con personalità aiutando il reparto e la squadra. A fine partita ci siamo sempre abbracciati, l’ho sempre fatto a fine partite perchè c’è il risultato e non le chiacchiere di inizio partita. Lo faccio per cercare vicinanza e compattezza con i ragazzi»

ASSENZA PUBBLICO«Pesa molto per noi, so l’importanza dei tifosi e della curva dietro la porta qua a Cagliari. Quando attacchi sotto la curva tiri fuori qualcosa in più, questo aspetto ci mancherà e non poco. Dobbiamo sopperire alla mancanza»

ENTUSIASMO«Credo che quando si entra in un gruppo che da tempo lavora insieme, un mister deve entrare per capire quali sono le situazioni che si sono create perchè alcuni giocatori non mettano in campo le loro qualità. Parlo con tutti in settimana, con i singoli e con i reparti per intervenire sull’aspetto mentale. Devo dare forza e serenità, sapere di avere una persona in panchina che crede in loro per fargli esprimere al meglio. Questo è stato il primo intervento, per dare una via sull’aspetto comportamentale e tecnico-tattico, togliendo pensieri passati ai giocatori. Chiedo solo di mettere in campo gli aspetti che hanno portato ciascuno ad essere qui, piano piano si ritrova la fiducia e attraverso le capacità trovare i risultati verso l’obbiettivo. Ora testa bassa e casco in testa verso il Bologna»

QUALITÀ BOLOGNA«Ha grosse qualità ovunque, sono bravi a pressare alti e ripartire. Dobbiamo fare le coperture preventive, giocare a due tocchi per scardinare i loro principi di gioco mettendo in pratica e risaltando le qualità dei nostri singoli. Dobbiamo arrivare a mettergli in difficoltà con coraggio»

GESTIONE GIOCATORI – «Posso mettere anche Nandez a sinistra per sostituire Lykogiannis, aspetto la rifinitura di domani ma ho già le idee chiare. Stiamo valutando bene chi scenderà in campo in pochi giorni per due volte, alcuni vengono da poco minutaggio. Chiederò a qualcuno di stringere i denti per scendere in campo, ma ho una rosa ampia e 5 cambi per sopperire al minutaggio ristretto di alcuni come Asamoah o Ceppitelli»