Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Mancini: «Belotti può giocare. Barella sta bene»

Pubblicato

su

In conferenza stampa Roberto Mancini ha presentato Italia-Svizzera partita decisiva per la qualificazione al Mondiale

In conferenza stampa Roberto Mancini presenta Italia-Svizzera per la qualificazione al Mondiale in Qatar del 2022.

ATTACCO – «Ci dispiace per Immobile e Chiellini, ma è un po’ per tutte le Nazionali la stessa cosa, gli infortuni possono essere un po’ di più in questa fase. Ma noi siamo in una situazione positiva, sappiamo ciò che siamo come squadra e dobbiamo restare tranquilli. Domani sarà una gara difficile. Belotti giocherà? Abbiamo l’allenamento di oggi, domani mattina. Ma qualsiasi decisione prenderemo sono sicuro che giocheremo bene. L’allenamento di oggi è importante, in questi due giorni i ragazzi hanno soprattutto recuperato. Comunque Belotti ha chance di giocare».

ROMA – «Sicuramente l’Olimpico ci darà una grande mano, giocare all’Olimpico è sempre bello. La situazione è sempre molto bella, abbiamo giocato qui tre gare dell’Europeo e il pubblico ci ha sempre sostenuto. Domani sarà la stessa cosa, sarà una bella gara».

ITALIA-SVIZZERA – «Noi sappiamo il valore che abbiamo e le gare di calcio vanno giocate tutte. La Svizzera gioca un ottimo calcio da diversi anni, tutte le gare giocate contro la Svizzera sono state difficili. Noi dobbiamo fare la nostra gara e il nostro gioco. Loro faranno il massimo, come noi».

BARELLA – «Barella sta bene, ieri si è allenato e credo domani possa essere in campo».

DIFFERENZE DALL’EUROPEO – «Non è cambiata molto. Io credo sia una squadra ancora con margini di miglioramento e possa diventare ancora più forte da qui al Mondiale».

ANSIA – «Io credo che l’ansia non sia giusta prima di una gara. Si deve essere allegri prima di scendere in campo, perché giocare è la cosa più bella che si possa fare».

BELOTTI – «Il Gallo l’ho visto bene, fisicamente non sarà al 100% perché viene da un infortunio serio. Magari non ha i 90 minuti, ma se riesce a fare gol nei primi 60/65 minuti sarebbe meglio».