Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Liverani: «Giocheremo in casa e dobbiamo fare la partita. Mercato? Cerchiamo un esterno sinistro»

Pubblicato

su

Conferenza stampa Liverani LIVE: il tecnico del Cagliari presenta ai media il match di domani contro il Cittadella

Il tecnico del Cagliari Fabio Liverani presenta ai media il match di domani all’Unipol Domus, ore 20:45, contro il Cittadella. CagliariNews24 partecipa alla conferenza stampa riportandovi le parole del mister in diretta.

LE PAROLE DI MISTER FABIO LIVERANI

MANCOSU«Marco ci da qualità e professionalità, viene in una squadra dove è cresciuto di cui è tifoso dunque ha responsabilità in più, ha voglia di non fare male. L’avvento di Marco è stato soprattutto un’idea del Presidente e del Direttore Sportivo, grazie a loro e alla disponibilità del ragazzo è stata veloce per portare brio»

PROGRESSI – «Non credo che oggi facciamo un campionato dove le vinceremo tutte, avremmo delle difficoltà, a Como abbiamo affrontato una squadra consolidata dallo scorso anno, noi abbiamo giocatori che stanno recuperando come Desogus che l’ho rischiato. Abbiamo sofferto ma non concesso tanto, abbiamo creato poco. Ora abbiamo un Rog in più che è stato fermo fino a tre giorni prima di Como, così come Nandez, Deiola e Lapadula che hanno aumentato la condizione fisica. Dobbiamo metterli in campo per non perderli più, non penso alla singola partita ma devo portare i giocatori ad essere sempre disponibili, vedremo giocatori titolari con maggior condizione»

MANCOSU TITOLARE E MODULO – «Mancosu è subito a disposizione, ha fatto tutto il ritiro e giocato circa 200 minuti ufficiali. Sui moduli è un giochino giornalistico, il nostro pensiero è dei quattro difensori e tre centrocampisti, davanti possiamo variare in base ai giocatori e agli avversari che affrontiamo. Vedremo una squadra con una condizione migliore. Mi interessa il miglioramento nella fase di possesso per creare di più»

CITTADELLA – «Su questo campionato è una squadra equilibrata e lineare, hanno equilibrio tra squadra e società, ricercano un ambiente sereno e anche giocatori che arrivano da annate negative riescono a rinascere. Hanno cambiato l’allenatore e Gorini segue questa strada che li avvantaggia. Hanno entusiasmo e positività, sono attenti e concentrati con meccanismi molto rodati dobbiamo fare attenzione. Noi giochiamo la prima in casa e dobbiamo fare la partita per vincerla per ridare entusiasmo»

PEREIRO – «Ho parlato da sempre con Gaston, il suo gol ci ha dato tanto contro il Como, quello che gli ripeto è che vorrei averlo partecipe nei 90 minuti e lo stimolo a farlo. Ha i colpi e li farà vedere come ha fatto a Como, ma poter diventare un top calciatore da lui voglio di più non posso accontentarmi e lui lo sa»

TRAMONI – «Faccio un paragone con Rog o altri calciatori. Per una cessione devono essere d’accordo tutte le parti, quando si da la colpa ad un’unica parte è sbagliato. Era uno importante per noi ma doveva avere la volontà di restare, io ci puntavo ma sono subentrate altre cose. Per andare via ci vogliono tre componenti: chi compra, chi vende e soprattutto la volontà del giocatore»

MERCATO – «Ad oggi siamo numericamente quasi completi, non è un segreto, cerchiamo solo un altro esterno sinistro da accoppiare a Carboni»

ESTERNI – «La linea difensiva non ha mai fatto due allenamenti insieme, le difficoltà sono oggettive, per trovare intesa serve tempo per giocare insieme e serve la conoscenza. In emergenza abbiamo giocato con giocatori che si sono allenati poco insieme. Tranne l’errore grave nel secondo tempo non abbiamo concesso grandi occasioni»

GIOVANI – «Hanno avuto buon impatto, hanno anche avuto del minutaggio, abbiamo fatto due sole partite ufficiali ma chi più chi meno ha giocato. Sono contento dei giovani così come di chi è rimasto o arrivato con entusiasmo, poi sta al campo. Dobbiamo aumentare i giri e ci vuole un po di pazienza per capire e valutare, prima di 8/10 partite è difficile avere un quadro completo»

CARBONI E TIFOSI– «Credo che la gente come presenza non ci ha fatto mancare il proprio apporto, credo che cancellare non si possa ma si può superare e andare avanti, guardare indietro non aiuta a nessuno. A prescindere da tutto ho sentito tanta vicinanza alla squadra e alla passione rossoblù, non ho sentito tutto questo pessimismo. Dopo una retrocessione è normale volere le vittorie, ma queste vanno costruite con lavoro non arrivano grazie al nome sulla maglia ma da quanto fatichi per l’obiettivo. Noi non molliamo. Quando siamo al completo il livello è alto. A Carboni manca continuità nel campionato dei grandi, avrà il suo spazio perchè ha qualità ed è sempre positivo, crediamo tutti in lui e non è assolutamente un problema. Merita il minutaggio e lo avrà»

Advertisement

News

Video

Cagliari News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 50 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 – PI 11028660014 Editore e proprietario: Sportreview s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Cagliari Calcio S.p.A. Il marchio Cagliari Calcio è di esclusiva proprietà di Cagliari Calcio S.p.A.