Connettiti con noi

Avversari

Conferenza stampa Juric: «Kalinic non sarà convocato. Sabato mi aspetto una battaglia»

Pubblicato

su

Conferenza stampa Juric: le parole del tecnico dell’Hellas Verona in vista del match contro il Cagliari in programma sabato alle 15.00

Ivan Juric, tecnico del Verona, ha presentato in conferenza stampa la sfida tra Cagliari-Verona in programma sabato 3 aprile alle 15.00 alla Sardegna Arena. Cagliarinews24.com ha seguito in diretta le parole dell’allenatore degli scaligeri.

CHE SETTIMANE SONO STATE – «Gunter ha preso una botta al polpaccio, ma ci abbiamo messo tempo per recuperarlo e non ci sarà. Kalinic non lo vedo in condizione e non sarà convocato. Colley recuperato mentre Vieira ha ripresa a correre. I nazionali qualcuno ha giocato di più, qualcuno di meno».

CLICCA QUI PER VEDERE LA CONFERENZA STAMPA DI JURIC

NUOVO CAMPIONATO CONTRO IL CAGLIARI – «La mia sensazione è che sono 10 partite e il primo obiettivo è salvarsi, il prima possibile. Quello che ho notato è che siamo stanchi mentalmente, prendiamo gol per questo motivo. Nell’ultima partita non ci ho visto bene. Non abbiamo rispettato il piano partita con l’Atalanta e ho visto grande stanchezza mentale. Questi ragazzi hanno ribaltato tutti i pronostici, io li ho ribaltati a livello mentale e fisico. Stiamo parlando di ragazzi eccezionali. Il fatto che l’anno scorso eravamo meno pagati siamo arrivati noni, quest’anno siamo terzultimi sui pagamenti e siamo noni. Questo anno i ragazzi continuano ad essere fantastici e non sono stati aiutati a sufficienza da un’altra parte. Quando sono cambiate le carte in tavola abbiamo sbagliato, nel momento di difficoltà dovevano giocare sempre. Ora sono un po’ preoccupato nonostante abbia una fiducia pazza in questa squadra. So che daranno tutto in queste 10 partite, li ho spremuti fino all’osso. Ma i ragazzi non devono mollare, per me non è accettabile. E ho visto qualcosa che non mi è piaciuto: ho visto tutti un po’ al di sotto, un po’ di meno, ma non è accettabile. Io voglio finire molto bene, ci sono dieci finali. Dovremo morire sul campo».

STANCHEZZA MENTALE – «In queste due settimane ero molto combattuto, su come riprendere la strada. È chiaro che avevamo bisogno di riserve e di giocatori che dessero una mano e non è stato così. Ma d’altra parte dentro di loro deve scattare qualcosa, perché hanno fatto cose bellissime e non devono buttarle. Le altre tre partite con l’Atalanta sono state diverse: io voglio la mia squadra, se devono andare oltre e bruciarsi il cervello che lo facciano. È chiaro che avremmo bisogno di tre o quattro giocatori di esperienza che ci sono mancati, ma adesso voglio che ci ricompattiamo e torniamo ai nostri livelli, con le caratteristiche che ci hanno contraddistinto».

VOCI SUL FUTURO – «Le voci non mi disturbano, sono concentrato 100% qua. Non dormo la notte perché voglio lavorare bene. So come sono cresciuti questi ragazzi, come hanno cambiato il loro modo di vedere il calcio. Abbiamo fatto danni su ragazzi giovani, a inizio campionato, parlando troppo presto di certe cose. Anche i procuratori dovrebbero essere più lucidi. Ma ad alcuni ragazzi non importa niente. Alcuni, però, iniziano a vivere male questa situazione. Io voglio molto concentrazione, ci vuole un po’ di rispetto anche per noi. A me dà fastidio: noi dobbiamo generare rispetto nei nostri confronti. Dopo un po’ alcuni giocatori sono meno disturbati da questa cosa, all’inizio qualcuno ha pagato, avendo alti e bassi clamorosi».

MAGNANI – «È un peccato perchè ha preso una botta il giorno prima della partita. Non riusciva a recuperare, quando accelerava aveva dolore e oggi ha fatto il primo allenamento con il gruppo. Dobbiamo vedere come sta, anche Cetin è fuori. Ceccherini e Lovato invece stanno bene. Dimarco titolare? Fede può giocare in entrambe le posizioni: ultimamente ha fatto qualche errore di troppo, ma è il primo campionato serio che fa ed è normale ci siano alti e bassi».

LOVATO – «Sta facendo una crescita normale, ho tanta fiducia in lui. Lui ha avuto un massacro per lui che arriva da Padova. In queste due partite ha dimostrato che è forte e ora è in Under 21. Lo vedo più maturo e sereno. Quando lui fa l’errore io lo sopporto. Così come quando Salcedo e Colley fanno bene e poi hanno un crollo, io lo accetto. Ilic sta facendo più di quello che ci aspettassimo».

CAGLIARI – «È normale quando hai i giocatori del Cagliari è chiaro che pensi che non ci sia partita sulla carta. Loro si giocheranno la partita della vita, perchè magari penseranno che noi siamo tranquilli in classifica. È una grande squadra, con grandi giocatori, che per il secondo anno di fila non sono riusciti a fare il salto di qualità che si aspettavano. Sarà una battaglia, mi aspetto una partita così».

MAGGIORE PERICOLI – «Hanno tanti giocatori importanti. Potranno rendersi pericolosi in vari modi: Pavoletti è in forma, Joao Pedro è il solito, hanno buoni inserimenti delle mezzali e gli esterni viaggiano forte. Dobbiamo stare attenti sulla concentrazione, sui duelli. Non sarà facile perché sono giocatori di grandissima qualità. Mi ricordo che all’andata Pavoletti e Joao ci diedero parecchio fastidio».

Advertisement