Cellino, la società informa: “Il presidente si trova in una situazione di grave disagio”

© foto www.imagephotoagency.it

Attraverso il profilo ufficiale su social network di Facebook, la società Cagliari Calcio informa delle condizioni in cui il presidente Massimo Cellino vive i suoi primi giorni della struttura di Villamassargia, dove com’è noto, sta scontando gli “arresti domiciliari forzati” imposti dal Tribunale del Riesame. Di seguito le parole riportate nella nota: 

“I legali del presidente Cellino ci segnalano la situazione di grave disagio in cui egli si trova. Dopo gli arresti domiciliari forzati a cui è stato costretto dal tribunale dl Riesame (arresti domiciliari rifiutati con forza da Cellino che continua a proclamarsi innocente), il presidente è stato condotto in una comunità religiosa a Villamassargia. L’edificio è ancora in costruzione, è privo di acqua calda, riscaldamento, cucina ed è abitato solo dal presidente stesso e dal custode. L’edificio risulta ancora INAGIBILE e privo di abitabilità. Inoltre, dista circa 50 chilometri da Cagliari, il che rende estremamente difficoltosi i rapporti con i legali incaricati di seguire la vicenda giudiziaria. Infine, è stato vietato ai parenti (moglie compresa) di fare visita al presidente. Il Giudice ha infatti detto che Cellino può avere contatti solo con i residenti nella struttura, ovvero il custode. In poche parole, il regime di arresti domiciliari è più afflittivo di quello della detenzione in carcere”.

Articolo precedente
Centro Coordinamento Cagliari Club: presentazione libro “Cuori rossoblù”
Prossimo articolo
Allievi Nazionali, i ragazzi di Melis sbancano Grosseto